SARONNO – Si è tenuta ieri sera al centro sociale di via Miola la riunione dei saronnesi coinvolti nel progetto “Controlli di vicinato”. Si tratta di un’iniziativa, già applicata nelle grandi città come Londra, New york e Los Angeles che ha inizia a fare proseliti anche in Italia. Nel saronnese a fare da apripista era stato il comune di Caronno Pertusella. In sostanza i vicini di casa si impegnano a “controllare” con attenzione quanto avviene nel quartiere pronti ad avvisare le forze dell’ordine nel caso di presenze sospette.  Niente guardie o ronde quindi, ma solo dei rapporti di buon vicinato e qualche attenzione in più per le case che si sanno essere vuote, per le vacanze dei proprietari.

Un’iniziativa che alla Cassina Ferrara ha dato buoni risultati come hanno confermato gli organizzatori che nei primi mesi di attivazione del progetto, partito nel giugno 2011,  hanno anche realizzato una sorta di statistica degli eventi avvenuti nelle vie, Don Mazzolari, Plinio e un tratto di via Brianza, sottoposte al controllo. “Sono state una dozzina i tentantivi di furto di cui ci siamo accorti e siamo intervenuti – hanno spiegato – c’è chi vedendo dei movimenti in giardino l’ha inondato di luce con i fari della macchina e chi invece ha urlato di essere pronto a chiamare i carabinieri. Sempre con il medesimo risultato quello di mettere in fuga i malintenzionati”. Solo uno il furto messo a segno negli ultimi 9 mesi nella zona.controllo di vicinato cassina ferrara (2)

Si è rivelato molto utile, oltre all’azione deterrente dei cartelli, anche il sistema di allert via mail con cui i residenti si informano nel caso in cui si notino delle presenze sospette nel quartiere:”Ovviamente avvisiamo subito le forze dell’ordine che sono subito pronte a fare un giro di pattugliamento in più e allertiamo tutti in modo che quella sera aumentino la guardia. Del resto abbiamo anche ricostruito il modus operandi dei furti che avvengono nel nostro quartiere. Sono  soprattutto colpi serali messi a segno mentre le famiglie sono in casa ma concentrate in un unico piano. In sostanza i dati raccolti si sono trasformati in consigli utili per la sicurezza di tutti”. Accanto ai piccoli accorgimenti pratici come quello di accendere sempre le luci esterne il comitato ha anche deciso di potenziare al rete di controllo, dividendo la zona in aree più piccole e più facilmente controllabili ma anche posizionando dei nuovi cartelli, targhette di metallo, una su ogni abitazione per far sapere che nella zona è attivo il monitoraggio.

Alla serata parteciperanno una trentina di saronnesi il comandante della polizia locale Giuseppe Sala e l’assessore alla sicurezza Giuseppe Nigro. Proprio l’esponente di Giunta ha sottolineato di aver parlato, in un recente incontro del controllo di vicinato con il Prefetto Giorgio Zanzi, e di come i primi mesi di sperimentazione abbiamo superato tutte le perplessità. “Credo sia proprio quello che chiedeva anche il Questore di Milano – ha concluso – una più stretta collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine ognuno con il proprio ruolo ma entrambi impegnati a fare fronte comune per la sicurezza”.

23032013