SARONNO – I “Distretti del commercio” sono ormai una realtà ben presente e diffusa sul territorio provinciale, ma adesso occorre un balzo in avanti con un coordinamento efficace della loro attività: è partendo da questa premessa che le 15 strutture operative sul nostro territorio hanno accolto un progetto sviluppato dalla Camera di Commercio d’intesa con la sede locale della Regione che punta a mettere in rete e valorizzare ancor di più le diverse esperienze.

carabinieri corso italia

Esperienze che si diversificano tra i sei Distretti urbani – oltre a Saronno, Busto Arsizio, Cassano Magnago, Gallarate, Tradate e Varese – ed i nove Distretti diffusi – Alto Verbano, Dei Castelli Viscontei, Due Laghi, Ceresio Tresa, Malpensa Nord, Malpensa Sud, Medio Olona, Quatar Cantun e Valganna Marchirolo – operativi quali forme di aggregazione che fanno del commercio il fattore di crescita del territorio così da rivitalizzare il tessuto urbano o intercomunale con il coinvolgimento delle amministrazioni locali e delle associazioni di categoria oltre ad altri partner.

Il progetto della Camera di Commercio, prendendo avvio dall’attività del Laboratorio Distretti regionale, vuole creare un modello provinciale per coinvolgere al meglio anche quelle realtà che, per dimensioni e numeri, sono meno strutturate così da condividere le modalità di lavoro. Non manca poi l’obiettivo di un’ulteriore passaggio facendo rete anche con altri Distretti italiani ed europei in vista sia di un fruttuoso scambio di esperienze nel management e nelle dinamiche commerciali, sia della costituzione di partenariati per il reperimento di fondi. Il tutto alla luce della miglior concretizzazione delle opportunità che potranno sorgere grazie a un evento importante quale Expo che, dal 1 maggio al 31 ottobre 2015, si svolgerà proprio a fianco del territorio varesino ed a pochissima distanza dalla città degli amaretti.

Come si tradurranno però questi intenti in operatività concreta? Il progetto della Camera di Commercio prevede in primo luogo una forte attività di formazione così da uniformare le procedure dei singoli Distretti provinciali e accompagnare quelli più giovani in un processo di crescita. Tra i temi previsti, l’analisi della figura e del ruolo dei manager, l’approfondimento su visione e strategia, ma anche il coinvolgimento delle proprietà immobiliari, lo studio della localizzazione dei negozi e la gestione degli spazi pubblicitari. Non mancherà l’avvio del percorso per l’estensione della certificazione europea QM Tocema, già ottenuta da Busto Arsizio, a tutti i Distretti provinciali.

010413