SARONNO – “Quest’iniziativa è così bella, movimentata e colorata che mi spiace moltissimo di non poter godermela fino in fondo visto mi aspettano per la messa alla Sacra Famiglia”. Così il prevosto monsignor Armando Cattaneo si è congedato dai partecipanti al motoraduno che si è tenuto ieri mattina in piazza Libertà.

Decine di moto, da esemplari storici dei periodi di guerra ad esemplari arrivati dagli States fino alla immortali vespe, si sono radunate sul sagrato per la tradizionale benedizione. Durante la messa il prevosto ha precisato:”Ricordo ai centauri che noi benediciamo soprattutto il motociclista perchè se lui o lei sono imprudenti o poco attenti la benedizione da sola non può fare i miracoli”.

Sul sagrato si sono riunite quasi 200 motociclette benedette da don Daniele Mazzuchelli prima di partire con una sfilata in Corso Italia. La mattinata si è conclusa con un’esposizione delle due ruote nel piazzale davanti allo stadio in via Biffi dove con l’aiuto della Saronno point è stato offerto un rinfresco a tutti i partecipanti.