SARONNO – Qualunque siano le condizioni meterologiche all’esterno, nell’atrio del palazzo di giustizia piove sempre e comunque.

Camera 360

I portavasi che il personale del tribunale ha dislocato “strategicamente” nell’atrio per raccogliere le gocce che continuano a cadere dal soffitto, dove si sono tra l’altro formate gigantesche macchie di umidità, si riempiono con preoccupante rapidità mentre lavori manutentivi non sono neppure all’orizzonte, seppur sollecitati anche da privati cittadini ed avvocati.

Forse a settembre il palazzo di giustizia chiuderà i battenti, in nome di una riorganizzazione degli uffici giudiziari voluta dal Governo Monti e destinata a creare tanti disagi ai saronnesi. Lo stabile di via Varese – di proprietà del Comune – qualunque nuova funzione gli venga attribuita, necessiterà di un urgente maquillage.

110413