SARONNO – Bilancio agrodolce per la Robur Saronno Calcio, la vittoria di domenica scorsa – superato il giro di boa del girone di ritorno – ha spinto i biancazzurri in una tranquilla posizione di centroclassifica, nel girone comasco della Seconda categoria.

robur calcio allo stadio

“Peccato per i tanti infortuni gravi avuti all’inizio del campionato a fronte della Coppa Lombardia – riepiloga il presidente dei roburini, Mario Busnelli – Stiamo parlando di infortuni che hanno lasciato il segno. Oggi la rosa si sta ricomponendo. La squadra al completo è competitiva e non teme nessuno. Ci sono state partite con formazioni inventate al momento e non si è mai potuto mantenere la stessa formazione per due settimane”.

Prosegue Busnelli:”Ha pesato la sfortuna e i tempi di recupero, l’infermeria è sempre stata piena. Purtroppo nel corso dell’annata ho visto più giocatori in tribuna che in campo. Un campionato dall’esito veramente ingiusto. Avremmo potuto ottenere di più, per le qualità dei giocatori, se penso che in una partita d’andata solo al primo tempo perdo quattro giocatori di cui due con infortuni gravissimi ancora tutt’ora fermi. Hanno iniziato il recupero da due settimane. Purtroppo in queste categorie quello che non trovi in qualità lo trovi altro modo. Poi conti i feriti. Finisce dunque l’anno con l’amaro in bocca perchè potevamo essere protagonisti senza togliere niente alle altre squadre. Mi rammarico perchè i ragazzi si sono sempre impegnati al massimo senza mai perdere un allenamento, doveva essere il nostro anno a dimostrazione che le prime della classe con noi hanno sempre sofferto con due quarti di squadra in tribuna. Per l’anno prossimo siamo gia pronti, abbiamo lavorato in questi mesi per dare un futuro diverso al calcio saronnese. Spero solo in un po’ di fortuna cosa che quest’anno la Dea si è dimenticata totalmente di noi”.

240413