“Un grazie ai nostri genitori, che ci hanno cresciuto con valori importanti, credendo nel lavoro e nella dedizione in quel che si fa”

SARONNO – C’è anche un saronnese fra i cittadini benemeriti chiamati in mattinata alla sala congressi della Provincia di Milano per ricevere la “Stella al merito del lavoro“, prestigiosa onorificenza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

gatti primo maggioNel Varesotto per questo 2013 sono stati diciassette i prescelti, il più giovane è il saronnese Roberto Gatti, 50 anni.

E’ stata l’azienda di Gatti, la Tintoria Comacina srl di Como, a segnalarlo al Ministero; poi sei mesi di istruttoria e selezioni, quindi la comunicazione ufficiale: Gatti è fra i premiati.

Da parte della Tintoria, l’indicazione del saronnese è stata frutto dell’apprezzamento del lavoro svolto, a seguito della predisposizione di diversi progetti, tutti portati a termine con successo.

“Ho iniziato la mia carriera lavorativa nel 1976, a soli 14 anni. Lavoratore precoce, nel campo metalmeccanico, dove ero pantografista ed incisore, ai tempi considerata un’arte – ricorda il diretto interessato – Poi negli anni seguenti per forza ho dovuto cambiare mestiere, a causa della crisi del settore, e così re-inventarmi. Nuovi studi da autodidatta, spaziando dalla elettronica alla metalmeccanica, alla termotecnica. Ho conseguito la patente di “conduttore di generatori di vapore”, e sono entrato a fare parte del mondo delle manutenzioni generali in aziende tessili”. Oggi Gatti è responsabile dei servizi di azienda alla Tintoria Comacina.

Nativo di Busto Garolfo, abita a Saronno dal giorno del matrimonio, nel 1990; e nel tempo libero è un appassionato radioamatore.

Ora potrà dunque fregiarsi della “Stella al merito”, ma in famiglia non è una novità: l’aveva già ottenuta suo fratello Sergio, undici anni fa.

010513

2 Commenti

Comments are closed.