SARONNO – La scure del giudice sportivo sulla Turbighese e sul suo centravanti Ruben Colosimo, che aveva aggredito l’arbitro saronnese Federico Caironi; episodio avvenuto giovedì 25 aprile durante la gara in trasferta con la Castellanzese, per il campionato di calcio di Prima categoria.

arbitro caironi a castellanza

Nelle ultime ore il responso del giudice sportivo Rinaldo Meles: squalifica sino al 25 aprile 2015 per Colosimo, e multa di 500 euro alla sua società, con sconfitta a tavolino per 3-0.

Ecco nel dettaglio il dispositivo del giudice.

Dagli atti ufficiali si rileva che al 39′ del 2′ tempo il direttore di gara a seguito dell’espulsione del calciatore Colosimo Ruben, era fatto oggetto da parte del medesimo calciatore della società Turbighese di atti di violenza: in particolare il Colosimo Ruben prima lo colpiva con una manata all’altezza del collo che gli provocava forte dolore, indi lo colpiva con un calcio all’altezza della schiena causandogli fortissimo dolore. Nel lasciare il terreno di gioco li calciatore citato offendeva e minacciava pesantemente l’arbitro e doveva essere trattenuto dai presenti. Il direttore di gara non sentendosi più in condizione fisiche e psicologiche tali da dirigere serenamente la gara riteneva opportuno sospenderla in via definitiva. Ritenuto per i motivi su esposti di dover condividere la decisione del direttore di gara

DELIBERA

1) Di comminare alla società Turbighese l’ammenda di 500,00 euro per responsabilità oggettiva dovuta al comportamento attuato dai propri calciatori;
2) Di comminare alla società Turbighese, la sanzione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3;
3) Di squalificare il calciatore Colosimo Ruben della società Turbighese fino al 25-4-2015.

020513