SARONNO – Blitz notturno contro il centro sociale Telos di via Milano: qualcuno ha imbrattato con la vernice gialla la grande facciata che si trova all’angolo con via Varese e che era stata di recente ritinteggiata.
Nessuno si è accorto di nulla, il “danno” è comunque consistente visto che parte del disegno e delle scritte che erano state realizzate sulla parete sono adesso scomparse sotto la densa coltre di vernice colorata. Un vandalismo avvenuto nel corso della nottata e senza che vi fossero testimoni.”Non è la prima volta che succede, riverniceremo al più presto” si limitano a dire alcuni attivisti della struttura.

Per sporcare la facciata, arrivando tanto in alto (le “macchie gialle” si trovano anche ad oltre due metri d’altezza) sono stati forse utilizzati dei gavettoni pieni di vernice, sul modello di quelli lanciati nel corso della manifestazione dei centri sociali lo scorso 25 aprile quando era stata sporcata una vetrina di Banca Intesa San Paolo, nella centralissima piazza Repubblica. Stavolta a patire l’imbrattamento è stato dunque il Telos.

030513

9 Commenti

  1. …qualcuno mesi fa in un commento ad una notizia pubblicata da questo stesso quotidiano scrisse in merito ai danni della cosa pubblica dei saronnesi:”…tanto ci sono le assicurazioni….” mi sento di riciclare questo commento a dir poco agghiacciante. Ovviamente condanno il gesto pur non essendo a favore di certi personaggi nell’orbita TELOS…

  2. Peccato, un bel disegno rovinato.
    A me la scritta fuori dal telos piace molto, mi sembra un bel messaggio, di fratellanza e solidarietà. Speriamo la ripristino in fretta, mi sembra un buon benvenuto per chi entra in città. Oltre a dare un po’ di colore al grigio della nostra città, tutta palazzi e smog.

  3. Se fossero le mura di casa mia avrei le mura esterne della mia abitazione perfettamente funzionanti, ma con una scritta sopra. E quindi?
    Piuttosto che imbrattare dei bei disegni e una scritta che porta il, a mio avviso, bel messaggio della scritta posta fuori dal telos, avrei gioito ben di più se ad essere imbrattate fossero state altre sedi, altri luoghi, recanti altre scritte.
    I cittadini sarebbero stanchi del modo di fare del telos? E delle banche, dei sindacati, dei partiti, delle immobiliari, delle agenzie interinali, ecc ecc, invece, non sono stanchi? Come se la miseria in cui viviamo fosse colpa delle scritte fatte sui muri da qualche ragazzo…

Comments are closed.