SARONNO – L’europarlamentare saronnese Lara Comi contro le occupazioni abusive, ha firmato la petizione dell’Università statale milanese.

lara comi

“E’ giunto il tempo di dire basta al pluridecennale rito delle occupazioni abusive di edifici pubblici e privati che a macchia di leopardo caratterizzano le città dell’intera Penisola, da Milano a Palermo – dice Comi, che a Saronno si è ripetutamente schierata contro le occupazioni del centro sociale Telos in via Milano e quella dell’ex macello – Questa è l’Italia che ancora aspetta di essere smacchiata, obiettivo che dovrebbe trovare un’ampia convergenza trasversale ma che più spesso accoglie silenzi omertosi, incomprensibili distinguo, e un vano giustificazionismo” riepiloga l’esponente del Pdl. Che annuncia:”Ho firmato pertanto con convinzione la petizione online di appoggio al Rettore dell’Università Statale che ha fatto sgomberare i locali ex-Cuem (nella sede di Lettere-Filosofia in via Festa del Perdono), occupati da un anno da un gruppo di anarchici e che ora sono stati nuovamente rioccupati. Sono perfettamente d’accordo nel chiedere che tutte le autorità competenti intervengano con decisione per porre fine a tutte le occupazioni abusive messe in atto da gruppi spesso vicini a centri che si definiscono “sociali” senza che si capisca quale sia il beneficio “sociale” per i cittadini”.

“Milano – sostiene Comi – è purtroppo un modello di questo deleterio fenomeno delle occupazioni abusive che si traduce in un grave danno economico a carico del patrimonio pubblico e privato. E non si capisce perché questi occupanti siano gli unici a potere violare impunemente il codice penale, che tutela la proprietà, a non rispettare la legge, le regole di sicurezza, a non pagare le tasse in luoghi e stabili di cui si prende il possesso illegalmente e trasformati, sempre illegalmente, a proprio uso e consumo. Tanto più che questo rito è spesso accompagnato da situazioni violente, condito da minacce e prevaricazioni. Mi chiedo come sia possibile che si tollerino oggi queste “zone franche” che si sono anche caratterizzate talora per pericolose contiguità con frange più radicali”.

200513

9 Commenti

  1. Contro gli studenti nelle università oggi, come ieri contro i richiedenti asilo nelle chiese: la Polizia non si manda, mai. Non succedeva neanche nel Cile del macellaio Pinochet, per pudore. Oggi avviene alla Statale di Milano, rettore (Vago) di area Pd fresco di nomina. Con applausi Pdl (Comi) in pieno clima da “larghe intese”: quelle sulla repressione del dissenso e delle culture altre da quella da loro propinata: la trasformazione in merce di ogni cosa, compreso il sapere.

  2. Sono assolutamente favorevole al rispetto della legalità, possibilmente evitando di prendere a manganellate le persone, visto che – pur con tutti i sentimenti contrastanti che queste operazioni suscitano – almeno a Saronno le occupazioni nascono con lo scopo di sottolineare, seppur in maniera contraria alla legge, il problema cronico degli spazi pubblici, della casa, delle aree dismesse e abbandonate, dell’urbanizzazione selvaggia che non si preoccupa di recuperare o valorizzare l’esistente. Esigenze reali, insomma, cui qualche risposta concreta va data da parte di tutte le istituzioni e non può essere solo quella degli sgomberi.

    Sempre per quanto riguarda la legalità, credo che sarebbe bello che l’Onorevole Comi la sostenesse con tanta veemenza in tutti i settori, compresi i numerosi che riguardano il presidente del partito che lei rappresenta in Italia e in Europa.

    • E’ inopportuno, per te, chiamare la polizia per far sgomberare una libreria occupata illegalmente? E’ inopportuno che i cittadini in balia di violenti , in un clima di guerriglia urbana con quartieri messi a ferro e fuoco pretendino il rispetto della legalità e chiedano intervento dei poliziotti ? Se lo Stato non fa lo Stato, potranno mai i cittadini avere il coraggio di opporsi a soprusi, molestie, vandalismi che gli arroganti pseudo rivoluzionari mettono quotidianamente in atto.?
      Se le occupazioni abusive a Saronno sono a tuo parere state necessarie per mettere in luce un problema ammetti che c’è qualcosa che non funziona!!! L’amministrazione oltre al dovere di garantire la sicurezza del territorio e la legalità anche con lo sgombero dovrebbe, preventivamente pianificare e predisporre , attivarsi …o NO?Di risposte concrete non se ne sono viste né per gli sgomberi quale ripristino della legalità né tantomeno per progetti Quindi?

      Stimo moltissimo l’On Comi che non ha bisogno di alcuna difesa né da parte mia né da parte di nessun altro : lo sa fare benissimo da sola oltre che a parole a colpi di risultati importanti ( cosa rara per i politici) e di riconoscimenti internazionali. In Europa On Comi non rappresenta il partito ma l’Italia!
      Le questioni di illegalità diffusa interessano i privati (un es fra i tanti evasione fiscale , di cui ne siamo campioni) come tutti i partiti ( usare fondi PUBBLICI per interessi personali non è solo illegale è IMMORALE ..è la lista è lunga☺) e su cui indaga la magistratura è giusto e dovuto che sia la magistratura ad interessarsi e a giudicare Sottolineo soltanto che la legalità va sostenuta sempre , con chiarezza e non , come tu dici – si va bene ma…-
      Va bene così per noi cittadini?
      Va bene così per noi cittadini che chiediamo sempre ad altri di fare quello che non facciamo per primi?
      Va bene così !
      C’è crisi, ma la codardia tira tantissimo.
      Una felice scoperta!

  3. ..senza legalità non si va da nessuna parte. Il mio plauso per Lara Comi e per chiunque altro, di qualunque forza politica si spende con veemenza per farla rispettare. Prima la legalità, terreno fertile per affrontare qualunque altra problematica possa aver ragione nell’essere affrontata.

  4. ….. legalità? Da che pulpito arriva la predica! MONTE DEI PASCHI, serravalle, Puglia, le coooooop, le fondazioni, etc etc etc etc. I MAGISTRATI CHE DIVENTANO POI POLITICI, il giustiziere DiPietro; etc wtc etc

  5. La legalità? Ma le leggi le hanno sempre fatte per difendere gli interessi dei ricchi, dei privilegiati, dagli attacchi degli ultimi, dei poveracci. E’ legale costruire ville abusive (condono, condono!) mentre entrare in una casa abbandonata per avere un tetto sopra la testa e ridare dignità all’esistenza propria e dei propri famigliari non lo è. E’ legale lasciare le università in mano alle aziende private, privatizzare il sapere, ecc, e non è legale autogestire una libreria all’interno di un’aula precedentemente vuota ed abbandonata, organizzandoci incontri, discussioni, presentazioni di libri, ecc, senza nessun tipo di guadagno o vantaggio personale…
    E’ legale anche picchiare gli studenti ed occupare militarmente una delle università più importanti d’Italia, con decine di celerini e agenti in borghesi.
    Era legale anche rinchiudere gli ebrei nei ghetti e nei lager. E con questo? Prima di tutto ci vorrebbe il buon senso, e la capacità di opporsi e dire di no a tutto lo schifo che cercano di farci ingoiare ogni giorno. Mentre sempre più gente fatica ad arrivare alla fine del mese questi pensano al problema della creazione di una libreria autogestita e dell’occupazione di una casa o di uno spazio per fare attività sociali.

    • Se le leggi sono fatte “per difendere gli interessi dei ricchi…” quindi uno stato senza leggi farebbe l’interesse dei poveri??!!!!!

      Costruire ville abusive ,permettere occupazioni abusive , NON è legale ; pertanto spetta ai custodi delle legalità provvedere : sindaci , assessori etc….
      Non lo fanno ? Qualche riflessione va fatta.
      Occupare abusivamente “per avere un tetto sopra la testa e ridare dignità all’esistenza propria e dei propri famigliari “ è “sano” , ma non lo è per quelli che nel rispetto delle regole attendono il loro turno? Sono proprio quest’ultimi a essere defraudati da chi occupa abusivamente o è , come dici , la legge fatta “per ricchi”!!!!

      Non è il caso di pensare , forse è troppo impegnativo, a predisporre progetti di abitazioni-sociali per chi ha bisogno, spazi e centri autorizzati e regolari per i giovani… Impegnativo , difficile …certo …MAH ☺

  6. Ma come si permette? La legalità è senza dubbio importante, ma dovrebbe essere ancor più importante il buon senso.
    Che senso ha sgomberare e demolire o distruggere gli stabili occupati? A Saronno è sempre stato così ogniqualvolta i ragazzi di Telos sono stati buttati fuori da case occupate. Io abito in via Bainsizza, la ex tintoria è ancora mezza distrutta e pericolante a causa dello sgombero, non certo a causa dell’occupazione, durante la quale anzi aveva ripreso vita e colore.
    Quando vedrò la legalità fare meglio di questi ragazzi forse rispetterò quanto detto dall’on. Comi, ma per il momento i fatti parlano.

    • CARLA Scrivi che
      “La legalità è senza dubbio importante , , ma dovrebbe essere ancor più importante il buon senso
      Ma che stai dicendo !!! !
      -LEGALE = è un comportamento consentito dalla legge.
      -ILLEGALE è un comportamento che la legge proibisce
      LEGALITA= è il rispetto e la pratica delle leggi. È un’esigenza fondamentale della vita sociale per promuovere il pieno sviluppo della persona umana e la costruzione del bene comune

      Occupare ABUSIVAMENTE è LEGALE? NO
      Infatti
      LEGGE : occupazioni abusive è disciplinata
      In sede civile, (art. 948 c.c.), (art. 1168 c.c.). 
con annesso risarcimento dei danni sofferti, i quali si prestano ad essere molto ingenti, sia sotto il profilo patrimoniale, che esistenziale. 

      In sede penale sono ravvisabili molti reati: (art. 633 c.p.), ma anche altri contro il patrimonio (art. 635 c.p.) ed il furto (artt. 624 e 625 c.p.). 
con annesso il reato di violazione di domicilio (art. 614 c.p.).

      La democrazia si fonda sul rispetto delle regole, un principio di legalità che pone TUTTI i cittadini, nessuno escluso , su un piede di parità di fronte alla legge.
      Le leggi, ossia le regole, non sono , nello specifico , ugulai per tutti:
      -c’è chi le rispetta : si mette in lista d’attesa per l’assegnazione di un alloggio , osservando i criteri richiesti e con problemi veri e seri
      -c’è chi NON le rispetta e occupa abusivamente una proprietà PRIVATA !!!! ( e non solo) per ..altro

      La democrazia si fonda sulle regole: ma anche su criteri logici e di BUONSENSO
      E non né logico né di BUON SENSO che ad un cittadino sia
      Negato il DIRITTO all’ uso di proprietà privata riconosciuta e garantita dalla legge
      Questo fa a pugni con il buon senso, ma ci sta con il non senso e con l’arroganza di chi, vuole andare in piazza per trasformare un torto in ragione.

      Se questi ragazzi volevano richiamare l’attenzione sullo stato d’illegalità morbida e diffusa hanno raggiunto pienamente il loro scopo con il beneplacito di persone come te !!!!! Per dar senso alle tue parole dovresti aver il” buonsenso” e la coerenza di ospitarli in casa tua o meglio di permettere loro di occupare la tua casa ( la loro sta stretta ad un certa età e per certe esigenze )

Comments are closed.