SARONNO – Un’incomprensione organizzativa ha dato un esordio “en plein air” all’incontro di giovedì 23 maggio della Festa della Filosofia in programma a Villa Gianetti.
Secondo il calendario della kermesse organizzata in diversi comuni dall’associazione Alboversorio ieri sera a Saronno si sarebbe dovuto tenere alle 21 l’incontro “Velocità, fugacità, e cambiamento: il tempo della Medusa” con Mario Lizzero.

In realtà alle 21 quando nella sede di rappresentanza che avrebbe dovuto iniziare l’appuntamento, le porte erano ancora chiuse anzi proprio sigillate. Quando sono arrivati gli organizzatori e i relatori è stata subito contattata l’Amministrazione comunale che in pochi minuti ha capito che, in seguito ad un incomprensione sugli orari, la Villa era stata aperta nel pomeriggio anziché la sera.

Il malcontento tra i presenti per l’inconveniente non è mancato ma nessuno ha rinunciato alla propria serata filosofica.

Così mentre dal Comune si attrezzavano per rintracciare il custode e far aprire la sede di rapprentanza Giuseppe Uboldi ha iniziato la propria introduzione parlando della Festa della Filosofia e dei vari appuntamenti in programma a Saronno “dove speriamo di trovare le porte aperte”.

L’emergenza si è risolta pochi minuti prima delle 21,30 quando è arrivato il responsabile che ha aperto le porte permettendo ai presenti, una sessantina di persone, di accomodarsi nella sala Bovindo per l’atteso approfondimento filosofico.

23052013