ospedale ambulanza giorno ingresso SARONNO – Continua il botta e risposta tra la Lega Nord e il centrosinsitra saronnese sull’ospedale cittadino. Dopo il sindaco Luciano Porro ad attaccare il Carroccio è la segreteria del partito Socialista. Ecco l’intervento in versione integrale in cui si fa riferimento a quanto emerso al tavolo tra sindaci dello scorso 6 giugno

Abbiamo in questi ultimi anni denunciato puntualmente quanto stava accadendo al’Ospedale di Saronno: dall’impoverimento dei servizi, ai tempi biblici per le prenotazioni di visite in settori chiave, alla riduzione progressiva dei posti letto. Abbiamo denunciato a più riprese l’impoverimento professionale che le scelte stavano determinando sul presidio ospedaliero cittadino, abbiamo sempre ribadito che questo modello di sanità che esclude il territorio, i rappresentanti dei comuni nelle scelte chiave dell’offerta sanitaria era un modello orientato prevalentemente agli amici affaristi del presidente Formigoni. La condanna di Daccò di questi giorni è lì a testimoniarlo.

Ora, improvvisamente, apprendiamo che tutto è in via di soluzione. Novello Pedretto, il capogruppo di Lega Nord di Saronno, promette miracoli per il nostro ospedale. Lega Nord che ha avuto un ruolo fondamentale in campo sanitario con il suo assessore Bresciani nel governo regionale di Formigoni e ora con il nuovo assessore Rizzi, sempre leghista, è in realtà responsabile, insieme a CL,i di questa continua marginalizzazione dell’ospedale di Saronno.

Ora i proclami non bastano. Il consigliere Veronesi si faccia dire esattamente dal suo assessore leghista quanto intende stanziare per l’ospedale di Saronno, si faccia dire quali sono i reparti di eccellenza che intende potenziare e promuovere, si faccia dire cosa intende fare per difendere le professionalità del presidio. L’idea di sanità immaginata per i cittadini lombardi è quella di un paziente costantemente alla ricerca di un reparto specialistico sparso per la Lombardia. A noi sembra che la lega stia confondendo la cura del malato, con la promozione del turismo sanitario. Con questo modello la distribuzione dei soldi pubblici proseguirà implacabile. Questa è la novità, il miracolo, meglio il degrado, si ripropone e a teorizzarlo sono i leghisti, quelli che un tempo dovevano difendere il territorio.

2 Commenti

  1. L’ignoranza di costoro è impareggiabile.
    Ed un errore così madornale in un comunicato stampa rende il testo totalmente insignificante.

    L’assessore regionale alla Sanità è del PDL,

    Rizzi è consigliere regionale e presidente della commissione sanità.

    Mario Mantovani, PDL, vicepresidente e assessore alla salute.
    http://www.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Page&childpagename=Regione%2FRegioneLayout&cid=1194454694849&p=1194454694849&pagename=RGNWrapper

    Fabio Rizzi, LN,
    http://www.consiglio.regione.lombardia.it/web/crl/Istituzione/Commissioni/CommissioneIII

  2. oddio gli ………. guardano il dito e non la luna…il succo è che in questo momento la regione è governata dalla Lega, che nel passato faceva parte della maggioranza del celeste.
    Il resto sono cose che io trascuro…non si può dare sempre la colpa agli altri, il giochino non paga più neppure elettoralmente così pare (e con l’avvicinarsi delle elezioni politiche io sarei assai preoccupato).
    Il tutto non mi pare insignificante, inrendo dire la posizione politica. Ma presto ci racconteranno dei miracolosi benefici dell’accorpamento degli ospedali, basta che qualcuno in alto dia il la…

Comments are closed.