SARONNO – “Un botto? Ne ho sentiti ben quattro”. Esordisce così un commerciante di via Varese quando racconta all’incidente stradale avvenuto poco prima di mezzogiorno.
Secondo una prima prima ricostruzione un ragazzo 19enne a bordo di una Lancia Ypsilon stava percorrendo via Varese in direzione di Gerenzano quando, secondo il resoconto di alcuni testimoni, avrebbe sterzato all’improvviso per evitare un gatto.

La Lancia Ypsilon ha urtato tre auto in sosta: prima una Mitsubischi Colt, danneggiata nella parte anteriore destra nella zona specchietto, poi una Fiat Seicento, seriamente rovinata nella parte posteriore destra e una Seat Arosa nella parte posteriore. L’utilitaria del 19enne ha finito la sua corsa ribaltandosi e appoggiandosi sulla fiancata lato conducente.

Sul posto è arrivata un’ambulanza del Sos di Uboldo che ha accompagnato il ragazzo, in buone condizioni ma in evidente stato di choc, all’ospedale di Saronno. E’ intervenuta anche la polizia locale che ha provveduto a deviare il traffico, code si sono create fin alle porte di Gerenzano e al Santuario, e ad effettuare i rilievi.


25062013

10 Commenti

  1. …ma sono basito! ..in quel tratto di strada (come del resto in quasi tutta Saronno) vige il perentorio limite dei 30km/h: sia mai che il gatto non lo rispettasse!

  2. In quel tratto di strada vige il 50, probabile che comunque non fosse rispettato (altrimenti bastava una frenata). Felice comunque che non si sia fatto male nessuno (auto a parte).

  3. Il Saronnese ma lei percorre la varesina a 30km/h senza essere insultato da nessuno? La segnaletica stradale si deve guardare.

  4. a me non risulta che su quel tratto di strada ci sia il limite dei 30, poi qualcuno tende a fare polemica gratuita 🙂 …. peccato che le auto non abbiano le scatole nere, altrimenti ne vedremmo delle belle.

  5. Il limite di 30 km/h è solo davanti al Santuario, per il resto la Varesina è a 50.

    Poi, vabe’, la mia opinione è che si può anche fare gli spiritosi sui limiti di velocità, ma poi se anziché le macchine parcheggiate lì ci fossero stati gli studenti in uscita dalle scuole probabilmente oggi staremmo parlando di un strage.

    E forse farebbe meno ridere, no?

    • E dunque? Ovvio, ma la responsabilità è del conducente che eventualmente non ha rispettato il limite. Nessuno scherza, si fa solo notare che essendo una delle direttive principali il limite è 50 km/h (spesso non rispettato). Quindi andrebbe messo il 30 anche lì? Secondo me non serve, essendo una direttrice basta e avanza il 50 che consente buoni spazi di manovra anche in caso di frenata urgente.

  6. Appunto… Nessuno ironizza , in questa via nessuno rispetta i 50 sopratutto alla sera raramente i vigili si mettono a fare i controlli altrimenti la gente si ribella e va in piazza dicendo che c’è repressione . In questo caso non posso accusare il malcapitato di andare oltre i 50 perche dipende dalle dinamiche e ti puoi ribaltare anche a 30 km/h

  7. Certo che la responsabilità è del conducente. Credo anche che, però, ci sia un passo culturale e normativo da fare per capire che le auto possono essere delle armi, e che occorrono limitazioni e politiche le fasce deboli.

    Su questo il nostro paese è tutt’altro che pronto.

Comments are closed.