GERENZANO – Si è conclusa in queste settimane con successo la prima fase di sperimentazione del nuovo protocollo operativo che coinvolge gli oltre 60 Ausiliari socio-assistenziali impegnati quotidianamente nel complesso polifunzionale Villaggio amico di Gerenzano.

Sulla base delle nuove direttive per il monitoraggio degli ospiti, infatti, ogni “Assistente tutor” è ora chiamato ad occuparsi in modo specifico di tre posti letto – ospite e unità abitativa – e diventa così il punto di riferimento per tutte le attività alberghiere e assistenziali che coinvolgono la persona. Il che si traduce in una focalizzazione molto mirata sulle esigenze individuali e nella possibilità, a fine turno, di trasferire ai colleghi con precisione il quadro generale dell’ospite, aggiornandone puntualmente la scheda di valutazione assistenziale e, se necessario, segnalando le particolari attenzioni che egli richiede. In stretta aderenza con le prescrizioni mediche, infermieristiche, educative e fisioterapiche decise dagli specialisti presenti in struttura.

I cosiddetti “Asa” sono operatori specializzati che nelle residenze sanitarie assistite, nei centri diurni per persone anziane o per disabili, nelle comunità alloggio, svolgono attività mirate a mantenere e/o recuperare il benessere psico-fisico dell’ospite, assistendolo nelle necessità di base, dall’igiene personale all’alimentazione, dalle posture fino al mantenimento delle relazioni per ridurre i rischi di isolamento e di emarginazione.
Le nuove prassi operative avviate al Villaggio Amico e inserite nel Pai, il piano di assistenza individualizzato, hanno avuto un primo periodo di rodaggio, durato circa due mesi, e hanno dimostrato di poter incidere positivamente sull’intera filiera dell’assistenza agevolando il lavoro multidisciplinare in équipe.

Per questo motivo, il nuovo protocollo “Asa tutor” è stato adottato ufficialmente e inserito nelle prassi lavorative previste dai protocolli di Villaggio amico.

Villaggio amico

Centoquarantaquattro posti, tre piani divisi per tipologia di paziente, otto nuclei di degenza: sono i numeri che descrivono la Residenza sanitaria assistenziale di via Stazione a Gerenzano. Vi lavorano 150 operatori, tra dipendenti e collaboratori. La mission di Villaggio Amico é rispondere ai bisogni della persona in ogni fase della sua vita, dall’infanzia alla terza età. Non solo quindi una Residenza per anziani ma una struttura che racchiude al proprio interno un ventaglio di servizi come l’intrattenimento diurno per anziani e per persone diversamente abili, un centro di riabilitazione, poliambulatori medico-specialistici, piscina e palestre, l’asilo nido, un centro di formazione e l’auditorium comprensivo di sale convegni. Fiore all’occhiello della Residenza Sanitaria Assistenziale è il Centro Alzheimer, nucleo specializzato nell’accoglienza dei pazienti e nell’assistenza alle loro famiglie. La struttura ha sede a Gerenzano, punto di incontro delle province di Varese, Milano e Como.

200713