SARONNO – Una scritta, realizzata con vernice celeste, è comparsa nella notte tra domenica e lunedì sul muro estero del Colombo Gianetti che si affaccia su via Cattaneo.

“Cova la rabbia aumentano i fronti, ritorneremo per chiudere i conti” questo lo slogan che dai toni al colore al lettering scelto lascia pochi dubbi sul riferimento alla mancata rinascita dell’Fbc Saronno.

14 Commenti

  1. qua occorre subito un intervento di SuperSilighini contro il degrado, armato di rullo potrebbe andare a cancellare la scritta.

      • uno dovrebbe esserci, ma se non erro è andato in Turchia al meeting dei socialisti. forse parleranno di nuove tecniche antigraffiti. chissà, al ritorno forse sapremo.

  2. Quelli del Fronte non sono cretini come questi che attaccano i nemici politici. Sanno la verità . Senza giocare a Saronno non si va a Gallarate e a Saronno non si va x colpa di Porro

    • guarda, non saranno cretini ma un po creduloni si, se non c’è più il saronno fbc è perchè NON ci sono risorse per fare una squadra a livello del SARONNO FBC DEGLI ANNI 90.
      E’ abbastanza semplice no?
      Poi c’è la questione STADIO occorrono risorse per adeguarlo alle nuove regole della federazione, non ci sono nemmeno quelle (a meno che non si preferisca non asfaltare le strade, non far funzionare più l’illuminazione stradale e i semafori, non pulire le vie e non svuotare i cestini ecc…ecc…
      aggiungiamo poi che per il calcio sino ad ora Saronno ha regalato a cistellum,saronno di tramacere e real cesate qualche decina di migliaia di euro sotto forma di pagamento d gas luce ed acqua, che queste società non hanno pagato ed il giusto motivo per cui a silighini si può credere solo se anticipa un bel pò di soldini…..risulta evidente …… senza polemizzare mi pare che era proprio senza basi concrete il progetto di far rinascere la squadra….

      • …non mi esimo dal rompere il silenzio che mi ero imposto su quest’argomento, perché una replica ci sta proprio tutta! caro Spillo, ma credi che io sia cieco? ….pulire strade, figuriamoci asfaltarle, tagliare erba nei luoghi pubblici, rimuovere spazzatura!!! e facciamo pure ecc. ecc.. …ma dove??? certo non qui a Saronno! …qui non si fa, qui non è previsto, qui si pagano solo tasse e senza fare populismo, ma servizi di questo genere sono riservati ad altre città, scusa, comuni (fatti un giro solo in quelli confinanti a Saronno), qui si pensa ad altro (ti risparmio l’elenco delle cose che il tuo Luciano ha dichiarato di fare nel suo programma elettorale e non ha mai fatto!!) e io mi sento di polemizzare, su ciò che si poteva fare, e non è mai stato fatto. Stadio Gianetti Colombo: se vuoi ne riparliamo tra qualche anno, quanto ci costerà rimetterlo alla decenza, sembrava adesso troppo metterlo a regime… ma che diamine!!!! qui stiamo parlando della CITTA’ DI SARONNO, non di bau bau micio micio … e che sarà mai avere uno stadio e una squadra di calcio degni di questo nome …SARONNO!!!!!
        Rientro nei ranghi …. ritorno a star zitto e scusate lo sfogo!

        • Ennesimo intervento de “Il Saronnese” a base di falsità gratuite e insopportabile prevenzione a senso unico, evidentemente le uniche specialità della casa…
          In particolare questo paragrafo: “….pulire strade, figuriamoci asfaltarle, tagliare erba nei luoghi pubblici, rimuovere spazzatura!!! e facciamo pure ecc. ecc.. …ma dove??? certo non qui a Saronno! …qui non si fa, qui non è previsto, qui si pagano solo tasse e senza fare populismo, ma servizi di questo genere sono riservati ad altre città”
          Questo significa mentire. Un’ opinione è sempre rispettabile, la critica ci può sempre stare, nessuno nega che i problemi ci sono e tutto potrebbe essere fatto meglio, ma mentire è un’altra cosa…
          Se ti limitassi ad esprimere insoddisfazione per la “manutenzione” della città potrei anche capirlo, ma evidentemente non ti basta, non ti sembra abbastanza “sexy” e quindi devi ricorrere ad una “realtà aumentata” tutta tua che prevede la menzogna, ovvero che la manutenzione proprio non ci sia.
          Se la spazzatura non venisse rimossa – come tu dici – a Saronno avresti il colera!
          Per quanto riguarda il discorso stadio invece confondi (volutamente?) le risorse per l’adeguamento alle nuove regole federali con quelle per la manutenzione ordinaria.
          Capisco il caldo, ma perché straparlare sempre…? Riflettici, concluderai che era meglio se restavi in silenzio!

  3. Lo stadio sono anni che regna nel degrado , da Preziosi a Restelli a Tramacere , non si è mai fatto nulla dall’ultima ristrutturazione prima che arrivasse Preziosi . Ci sono stadi di paesi confinanti che sono 100 volte più funzionali e ben messi sotto il profilo estetico .
    Andate a vedere Seveso o Meda che stadi hanno tanto per fare qualche esempio ……..
    a confronto il nostro è una pattumiera , tribuna distinti che fra poco tempo si autodistruggerà dal degrado , seggiolini della tribuna centrale dove c’è da avere schifo ad appoggiare il sedere , terreno di gioco con erbacce da tutte le parti ecc. ecc.
    Continuate così e fra qualche anno la cosa più conveniente da fare sarà radere al suolo tutto e vendere al miglior palazzinaro di turno .

  4. …guarda guarda a chi ho avuto l’onore di far alzare gli scudi in difesa della reggente Amministrazione Comunale. M’ero già “sbollito” con un semplice sfogo nella più che meritata illusione (chiamala se vuoi speranza) che il tempo di attesa per far voltar pagina politica, e non solo, a Saronno contasse anche oggi un giorno in meno e invece dal pulpito dell’attento responsabile delle comunicazioni del locale PD mi sento accusato di “menzogna” nell’andare a sua detta a spasso per la “realtà aumentata” di Saronno. Sinceramente si, lo ammetto, avrei voluto farlo e ne sarei davvero stato felice nel farlo, ma per tutt’altro verso: orgoglioso di vivere in una città pulita, ordinata, efficiente, manutenzionata, sicura …termino qui per evitare di dilungarmi, con gli apprezzamenti che sono sinonimi di aspettative di ogni cittadino che allo stato dell’arte e nemmeno in una più rosea prospettiva del countdown di termine mandato, questa Amministrazione non potrà dare e nemmeno più promettere per una riconferma.
    Semplicemente questo è il limite del sovrapporsi delle mie (a tua detta) menzogne con le affermazioni scritte nero su bianco nel programma elettorale proposto ai cittadini in campagna elettorale che probabilmente hai contribuito a stendere:
    http://www.pdsaronno.it/images/pdf/programma%20definitivo%20amministrative%202010.doc.pdf
    L’nvito mio è quello di fare un semplice esercizio scolastico ed evidenziare quali parti sono state realizzate, è molto più semplice che fare il contrario, perchè sono ben poche. Dopo esserti fatto un giro nella “virtuale realtà aumentata” descritta nel documento, al calar della sera, ti propongo un giro per Saronno, prendendo appunti su tutto quello che noterai difforme a canoni di una Città “a misura di cittadino”, o della “Città che vogliamo”.
    Adesso però a buon rendere, ….”riflettici, concluderai che era meglio non replicare, ma restare in silenzio!”

    • Prima di parlare – lo dissi già a un certo “Gordon” qualche tempo fa – bisognerebbe ragionare ed informarsi… Ma informarsi bene però!
      Non basta saper usare Google, anche se è già qualcosa. Comunque: non sono più responsabile della comunicazione del PD, e nemmeno semplice iscritto del PD, da oltre 2 anni e mezzo.
      Il resp. della comunicazione del PD, per tua info, si chiama Francesco Licata.
      Ovviamente parlo da semplice cittadino saronnese, come te del resto… anche se tu ami nasconderti – tipo batman dei poveri – dietro un molto poco glorioso anonimato, in modo che di te nessuno possa “Googlare”. Per quanto ne sappiamo potresti essere Silvio Berlusconi oppure la nonna di Silighini… ad ogni modo, poco importa chi sia io o chi sia tu! Ciò che importa è che tu ami modellare la realtà a seconda di come ti fa comodo, per arrivare ogni volta a chiedere – penosamente – le dimissioni di un Sindaco che, starà facendo bene o male ognuno può e deve giudicarlo… però è stato DEMOCRATICAMENTE ELETTO ed altrettanto democraticamente sarà valutato tra due anni, a scadenza di mandato, sempre SE si ripresenterà. Mentire non è operazione corretta, né ti darà soddisfazione di alcun tipo sul fronte dimissioni… sappilo e per favore evita di farlo! A buon rendere, e prova a ri-rifletterci, concluderai che non stai facendo una bella figura anche se ti nascondi come batman senza esserlo…

      • Google è ciò che mi dice di te: per tua ammissione lo sei stato ora non più. Il resto è rimasto solo essere semplice cittadino… anche se non pare! Ti trovo ben schierato a difesa della roccaforte, scusa ma in piazza lo conoscono come castello di vetro, una volta era il palazzo di vetro, perché trasparente … chissà perché adesso lo chiamano castello: fai tu! … nelle fiabe dentro il castello c’era il re, chissà oggi ..lo chiamino sindaco …sia mai!!!!! …e il re da che storia insegna non è mai stato eletto (il democraticamente lo ometto). La democrazia è ben altra cosa dall’aver il 25% dei consensi, non sono come ovvio la metà + 1, ma solo un quarto… Gordon proprio qui sotto ha fatto i conti della serva, ma ci volevano. Durante il regno, scusa, volevo dire durante la democratica legislatura occorre anche avere la riconferma del consenso, con un confronto di “fiducia” verso la cittadinanza, cosa che la legge non prevede, ma se solo ci fosse, oggi non commenteresti come maggioranza … di consensi che non ci sono più!
        NULLA da dirmi in merito al programma: lì attendevo risposte, ma come vedo argomenti NON ce ne sono. Quindi deduco che non hai fatto “bella figura” nel non aver argomenti per replicare alle “mie”(a detta tua) menzogne….
        ri-ri-flettici concluderai che …arriverai da SOLO a togliere quel SE per ripresentarsi: vabbeh! metterci la faccia, ma lo si fa una volta sola. Concludo: mi dispiace davvero per Luciano, ma ne esce distrutto da un’avventura nel paese dei balocchi, di cui l’unica colpa è aver incontrato “il gatto” (con i baffi) e la “volpe” (il genere femminile dice tutto sul chi è!).
        P.S.: il batman dei poveri, potevi risparmiartelo, caro ex responsabile della comunicazione del PD Saronnese, che oggi ti autodefinisci semplice cittadino, perché è la seconda volta che i tuoi toni sono sopra le righe. Qui le regole non le ho fatte io, le fa chi ci ospita, e io mi ci sono adeguato per far sentire la mia voce: a Sara va bene così, a me va bene così … se verrà richiesta la registrazione, sarò il primo a farla, così non dovrò googlare per sapere chi si cela dietro il tuo nome, e lasciarmi comunque nel dubbio fossi davvero tu finché non me lo hai confermato…. per tua conoscenza so benissimo chi è il responsabile attuale della comunicazione del PD saronnese …basta googlare 🙂

        • Il Re non viene eletto, il Sindaco sì. Infatti abbiamo un Sindaco, che in piazza lo chiamino il Re (magari lo chiami tu così?) conta pochino.
          In democrazia, stante l’ attuale legge elettorale per i comuni, diventa Sindaco chi prende un voto più dell’avversario in un ballottaggio, e nel caso di Saronno i voti in più rispetto all’avversario sono stati ben 897 (9815 a 8918 su 18.733 votanti).
          I conti della serva dei super-eroi da tastiera contano appunto quanto le vostre recriminazioni… nulla!
          Oltretutto risultano conti “furbetti”, perché bisognerebbe dire che il vostro 25% in realtà è il 31,6% degli aventi diritto di voto (30.991). Comunque, se anche fosse stato il 25, sarebbe bastato un voto in più dell’avversario al ballottaggio.
          Che i consensi non ci siano più lo dite tu e Gordon (Flash?), con tutto il rispetto non siete esattamente l’ISTAT. Ad ogni modo tra due anni – lo stabilisce la legge – ci sono le elezioni, servono proprio a questo cioè a verificare se tu e Flash Gordon avete preso un abbaglio da solleone oppure avete ragione.
          In merito al programma, non vedo perché dovessi attenderti risposte da me… Ognuno può e deve farsi la sua opinione senza che lo imbocchiamo io e/o te.
          Argomenti ce ne sono quanti ne vuoi, se e quando tu e Flash Gordon smetterete i panni dei super-eroi da tastiera contattatemi e ve li esporrò volentieri davanti ad un bell’aperitivo nella nostra amata piazza.
          Ora passo e chiudo, credo che abbiamo annoiato oltre ogni limite i lettori di IL SARONNO.

Comments are closed.