luciano porroSARONNO – Pubblichiamo il commento del sindaco Luciano Porro in merito all’omicidio di Maria Angela Granomelli, 62enne titolare del negozio “il dono di Tiffany”.

Siamo sconvolti per la violenza del gesto, si è perso il rispetto per la vita umana e per la sua sacralità.
Confidiamo che gli inquirenti assicurino al più presto alla giustizia chi si è reso responsabile di un atto così efferato, brutale e violento.
Il mio pensiero va alla famiglia così tragicamente colpita.
Luciano Porro

5 Commenti

  1. Il mio intervento è volto da un lato per associarmi alle parole di Luciano che riflettono lo stato d’animo di ogni cittadino saronnese, d’altro per porre una semplice domanda a Sindaco e Assessore alla Sicurezza: adesso anche alla luce del terribile atto perpetrato, cari signori Ammnistratori, volte dare risposte ai cittadini su quali siano i provvedimenti che avete intenzione di adottare in tema di sicurezza in città?
    IO aspetto, i cittadini, i saronnesi aspettano RISPOSTE!

  2. Basta insomma furti in appartamenti e box aumentati in dismisura… e le forze dell’ordine? in ufficio o a far multe a chi non paga il parcheggio…insomma vogliamo dare sicurezza ai cittadini….?!?!?!
    Ci vuole una svolta!
    Sono d’accordo per quanto riguarda chiudere i centri sociali e le case occupate fa veramente SCHIFO lo stabile EX alfaromeo Tutto pitturato con disegni orridi….. ma chi va a far sgombrare quei posti? Perhce’ esistono e ci sono sono stabili fatiscenti e pericolanti….una vergogna…forse ci vuole un incidente per capire che occupare non e’ giusto?
    troppa paura? non so’ vorrei una città piu’ sicura pulita e civile…chiedo troppo …. Estero ARRIVO!

  3. Più sicurezza? Avete intenzione di scortare ogni singolo cittadino? Suvvia.. Carabinieri e Polizia ci sono in giro, ovvio che è difficile essere al posto giusto al momento giusto. Ladri che rapinano banche, che rubano oro da camion blindati..la sicurezza c’è, ma se un individuo è intenzionato a farlo, lo farà in qualsiasi caso. Siamo in pericolo 24 h su 24. al supermercato, in centro, nei locali e perfino nella nostra abitazione. Il problema non è la sicurezza ma la gente che c’è in giro. Non si può far ricadere la colpa su Dott. Porro, troppo semplice! Da come leggo, capisco che, secondo voi, il buco nero della Città sono i centri sociali. Attenti! Spesso sono proprio quelli che parlano ad avere parenti o amici che li frequentano. Sono persone come altre, che devono manifestazionI e ribellioni come risposta alle vostre istigazioni.
    Vorrei inoltre aggiungere che ammiro il Sindaco per l’intervento rilasciato in merito all’omicidio: l’unico che si è rivolto solo e soltanto alla famiglia, senza colpevolizzare altri, diversamente da altri..

Comments are closed.