CERIANO LAGHETTO – Anche quest’anno l’appuntamento fisso della scacchistica cerianese di una notte di mezza estate, nella piazzetta del municipio, non è mancato.

scacchisottolestelle

Giunta alla sua diciannovesima edizione, questa iniziativa “sotto le stelle” è stata una apripista di iniziative similari che poi si sono ripetute con più o meno fortuna nel territorio lombardo.

Trentadue giocatori si sono dati battaglia per disputare 11 partite “lampo”, come viene definito il gioco che dà ad ogni concorrente cinque minuti per finire la partita: o si dà scacco matto o si perde la partita, non c’è scampo. E non c’è scampo nemmeno per gli errori: un errore, segnalato dall’avversario, pone fine alla partita.

Cerianesi sugli scudi nella classifica finale (3 su 5) con Luca Moroni che ha lasciato agli avversari solo un pareggio e la bellezza di 2 punti di distacco al secondo: Davide Podetti. Due giovani enfants terribles che hanno preceduto i senatori fratelli Lapicirella e il dirigente regionale Roberto Bernasconi, tutti con 7,5 punti.

Fra i concorrenti anche qualche neofita alle sue prime esperienze di battaglie sulle 64 caselle, che hanno avuto la gioia di comunque vincere almeno una partita.

Gli scacchisti presenti erano provenienti dal circondario milanese, comasco e da Lecco. Arbitraggio di Fausto Ronconi, che ha “sorvegliato” ben tre colleghi nelle loro prestazioni dall’altra parte della scacchiera, una sorta di torneo nel torneo.

170813