Rilievi del Ris Parma per omicidio GranomelliSARONNO – Una taglia di 50 mila euro “per la cattura dell’assassino” di Maria Angela Granomelli la 62enne che lo scorso 3 agosto è stata uccisa nel negozio “Il dono di Tiffany” in corso Italia con 30 secondi di calci e pugni.

La proposta arrivata da Mirkoro una catena di negozi di compravendita di oro usato , che hanno spiegato l’iniziativa con una breve nota. “Conoscevamo personalmente Maria Angela Granomelli e per questo motivo è stato deciso un gesto forte e significativo, al fine di aiutare e sostenere il lavoro degli inquirenti e delle forze dell’ordine”.

Sono già stati preparati volantini, manifesti pubblicitari e camion vela con le immagini della videosorveglianza che ritraggono l’assassino nel negozio e il numero verde 800547547 messo a disposizione alle forze dell’ordine. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di cooperare con  gli inquirenti ed infatti la nota precisa: “Non vogliamo strumentalizzare un fatto di cronaca gravissimo ma intendiamo aiutare le forze dell’ordine a fare giustizia. La somma verrà erogata a colui o coloro che consegneranno alle forze dell’ordine l’individuo ritratto in fotografia e nel caso in cui la cattura avverrà da parte delle forze dell’ordine tale somme verrà devoluta seguendo specifiche indicazioni da parte dell’Arma”.

Tutti gli articoli sulla vicenda

24082013

7 Commenti

  1. Eeehh… chissà dov’è già volato quello lì!! Oppure, paradossalmente, si trova molto molto vicino, per camuffarsi si è messo un parrucchino, e i suoi parenti e amici sanno benissimo e fanno finta di niente.. La taglia è interessante per i tempi che corrono..proposta con l’obiettivo umanitario di vendicare la povera signora e al tempo stesso di far coraggio agli orefici – che ruotano intorno ai Compro Oro – affinché non si sentano abbandonati nel campo minato…Comunque, se trovo io il tizio, a questo prezzo lo arraffo per i pochi capelli che ha!

  2. di questa storia non mi piace nulla.
    dopo miss marple ora traiamo spunto dai più classici spaghetti western: taglie, risse, sparatorie, lo sceriffo chiama a raccolta la cittadinanza e partono con la caccia all’uomo, persino il reverendo brandisce il fucile. tutte robe ‘usuali’ nel far west… verrebbe da chiedersi come mai a taluni possa apparire normale averne anche a Saronno.
    mah… spero che almeno possa piacermi l’epilogo della vicenda.

  3. Questi pensano di essere nel far west… Al giorno d’oggi cosa non si fa per fare pubblicità alla propria attività commerciale. Con questa mi sa proprio che con questa vicenda abbiamo toccato il fondo. Speriamo qualcuno adesso non si metta a scavare.

  4. Questa è una chiara PRIVATIZZAZIONE della giustizia. Viene detto che: “La somma verrà erogata a colui o coloro che consegneranno alle forze dell’ordine l’individuo ritratto in fotografia”; quindi manca solo che qualcuno organizzi corsi di “bounty killer”… Certe “iniziative” andrebbero assolutamente proibite.

Comments are closed.