bocediSARONNO – “L’associazione che presiedo si costituirà parte civile perchè anche in questo caso, come quelli di racket e di usura, è stato danneggiato, qui fino alla perdita del suo bene più prezioso la vita, un commerciante che stava solo svolgendo il proprio lavoro”. Così Paolo Bocedi, presidente dell’associazione antiracket ed usura Sos Italia Libera annuncia l’intenzione del sodalizio di costituirsi parte civile nel processo contro Alex Maggio per l’omicidio di Maria Angela Granomelli la 62enne uccisa lo scorso 3 agosto nel proprio negozio di corso Italia da 30 secondi di calci e pugni.

“L’avvocato Massimo Lanci – prosegue Bocedi – svolgerà tutte le pratiche burocratiche del caso e provvederà ad inviare la richiesta all’autorità giudiziaria. Questo è solo uno dei tanti passi che vogliamo fare per la sicurezza a Saronno. I carabinieri hanno fatto un ottimo lavoro assicurando il colpevole alla giustizia ma è ora che cittadini, commercianti e istituzioni lavorino insieme per migliorare la situazione a Saronno”.

“Il punto di partenza – conclude Bocedi – sono i dieci punti per la sicurezza che abbiamo inviato al sindaco Luciano Porro e al prefetto Giorgio Zanzi affinchè, ognuno con il proprio ruolo, s’inizi a lavorare tutti insieme per la nostra città”.

30082013