origgio nomadi 10102013ORIGGIO – Come ordinato dal sindaco Ivano Campi hanno lasciato la piazzola alle porte di Gerenzano dove si erano posizionati sabato mattina ma non sono andati molto distante visto che si sono stabiliti all’estrema periferia di Origgio, nuovamente sul confine con Saronno.

Sono rimasti nel Saronnese i nomadi, provenienti da Canegrate, sgomberati lunedì pomeriggio dal Comune di Gerenzano. Sabato mattina appena appreso del loro arrivo il primo cittadino di Gerenzano ha emesso un’ordinanza di sgombero, che ha notificato lui stesso con la polizia locale. Un provvedimento che imponeva alle roulotte di lasciare lo spiazzo sotto il ponte dell’autostrada entro il primo pomeriggio di lunedì.

Così è stato ma lasciato il territorio comunale di Gerenzano i nomadi hanno trovato un nuovo spazio al confine tra Saronno e Origgio: in un’area verde dietro le ultime azione di via Parma. La zona è davvero molto defilata tanto da essere visibile solo dall’ultimo tratto di via Sampietro.

Nonostante la location appartata la polizia locale di Origgio si è accorta della presenza dei nomadi e gli ha subito notificato un’ordinanza di sfratto:”Hanno 48 ore di tempo per lasciare il comune di Origgio – sottolinea il comandante della polizia locale Alfredo Pontiggia – in caso contrario scatteranno le denunce”. Al momento nel comune guidato dal sindaco Luca Panzeri è presente un altro gruppo di nomadi: ”Anche a loro carico è già stata emessa l’ordinanza di sgombero – conclude il comandante – e controlleremo che in entrambi i casi venga rispettata”.

1 commento

  1. Ma non dovevano andare in provincia di Milano ?
    Forse pensano che le provincie siano gia’ state abolite!

Comments are closed.