caronno pertusella nomadiCARONNO PERTUSELLA – Allontanati dal terreno al confine fra Saronno e Origgio, dove si erano collocati dopo lo sgombero avvenuto a Gerenzano, i nomadi si sono spostati di solo poche centinaia di metri, giusto al di là del confine con Caronno Pertusella. La comunità di quaranta persone che da una settimana è giunta nel Saronnese, con dodici roulottes ed una ventina di auto, si è adesso insediata nel parcheggio dello stadio comunale di corso della Vittoria, dove disputa le gare interne la formazione della Caronnese calcio, capolista in serie D.

Sul posto si sono già recati i carabinieri della locale stazione, per un sopralluogo; spetta adesso all’Amministrazione civica di Caronno avviare l’iter per giungere all’allontanamento della carovana. In questi casi vengono solitamente concesse quarantotto ore per ripartire, in questo caso si sarebbe giusto in tempo per evitare “sovrapposizioni” con giocatori e pubblico della squadra juniores della Caronnese, che disputa una gara interna di campionato proprio domani alle 15.30, contro il Seregno. Le roulottes si sono collocate proprio nell’area di posteggio, occupandone più di metà.

La carovana, proveniente da Canegrate, era arrivata in zona lo scorso sabato mattina, “invadendo” il piazzale asfaltato adiacente la rotonda al confine fra Gerenzano e Saronno, sulla ex statale Varesina. Quindi la ripartenza nella giornata di lunedì, ma solo per trasferirsi di qualche chilometri, all’altro capo di Saronno, in fondo a via Sanpietro, su un terreno incolto che per qualche metro è già territorio di Origgio. Da dove i nomadi sono stati fatti sloggiare l’altro ieri dalla polizia locale, per “ricomparire” dunque al centro sportivo della Caronnese.
Nel basso varesotto non esistono aree nomadi attrezzate come nel Milanese: l’unica, quella di via Deledda a Saronno, è riservata agli zingari di etnia “sinti” che ormai da decenni abitano in città.

111013

4 Commenti

  1. Solo in Italia il problema nomadi è una perenne emergenza.
    In altri paesi tra i quali la confinante Svizzera le regole ci sono ma soprattutto sono fatte rispettare.
    Non conosco la situazione nello stato del Vaticano.

  2. Sinti, Rom, nomadi: come fanno a trovare un lavoro se ogni 2 giorni cambiano dimora ?
    E i bimbi, perche’ non vanno a scuola ?
    Non mandare i bimbi alla scuola dell’obbligo e’ reato in Italia!

    • e ma la loro cultura e tradizioni non li rendono soggetti alle leggi dello stato italiano!!!

Comments are closed.