09072013 silighini videoappello fbcsSARONNO – “I nostri suggerimenti vengono accolti. Avevo presentato un documento sui video poker in Regione ed ora lo spunto è diventato legge“: a farlo notare è Luciano Silighini Garagnani della lista Saronno 2015.

“Ottimo ciò che è stato approvato dalla Regione Lombardia in tema di gioco d’azzardo. Da tempo abbiamo denunciato il proliferare di video poker poco controllati in tema di minori ed il marchio ad hoc per le attività contrarie a questi casinò legalizzati incentiverà l’abbandono di tali vizi che alimentano solo la ludopatia e la rovina di molte famiglie disperate che credono col gioco di risollevarsi ma in realtà affondano di più” rimarca Silighini.

 

161013

6 Commenti

  1. l’idea non era solo di silighini ma di tanti altri cittadini, sindaci ecc. è proprio un narcisista

  2. La Regione non ha fatto altro che il suo dovere : applicare la legge europea .

    11 Febbraio 2010
    – Giochi d’azzardo on line e recenti sentenze della Corte di Giustizia
    In qualità di vice presidente della Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori, l’On. Comi interviene su una tematica che riguarda entrambe le ramificazioni della sua Commissione: il gioco on-line.
    Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei partire dalla sentenza della Corte di giustizia europea, perché la possibilità da parte di uno Stato membro di vietare a operatori privati l’offerta di giochi d’azzardo on line pone l’attenzione sulla necessità di uniformare un mercato estremamente redditizio ma altrettanto rischioso per i consumatori.
    Quindi, in assenza di un’armonizzazione comunitaria in materia di giochi d’azzardo, ogni paese è libero di scegliere il proprio livello di protezione. Il confine dell’applicazione di tale restrizione spesso non è identificabile. Infatti, mentre la Commissione ha lanciato una serie di procedure d’infrazione contro alcune nazioni, tra le quali vorrei ricordare anche l’Italia, per aver violato il principio della libera circolazione dei servizi, la Corte europea ha invece difeso la decisione restrittiva del Portogallo.
    In tale contesto, le istituzioni europee hanno il compito fondamentale di portare il settore del gioco d’azzardo a un processo di regolamentazione pienamente armonizzato tra gli Stati membri a livello europeo. È necessario quindi spingersi al di là dei singoli interessi economici e assicurare una protezione significativa dei consumatori, in particolar modo dei minori che in questi casi sono le principali vittime di reati e di frodi.

    http://www.laracomi.it/index.php/attivita-parlamentare/interventi/152-giochi-dazzardo-on-line-e-recenti-sentenze-della-corte-di-giustizia

  3. Caro “Comi con Porro”
    mi intrometto in un commento solo per segnalarti che l’articolo de La Padania non descrive i fatti in modo preciso.Nell’ultima sessione plenaria di Strasburgo il Parlamento europeo ha approvato il regolamento che istituisce il sistema europeo di sorveglianza delle frontiere esterne denominato EUROSUR.
    Si tratta di un provvedimento molto importante che conferisce all’agenzia Frontex un nuovo strumento operativo per affrontare l’emergenza immigrazione.
    Decisivo è stato il lavoro di Marco Scurria,di Fratelli d’Italia,relatore per il Ppe. L’emendamento della Lega voleva introdurre un nuovo “considerando”, che equivale a una premessa e quindi non ha alcuna rilevanza perché quello che conta è il dispositivo finale, nel quale si richiedeva alla Commissione di predisporre proposte legislative per una equa distribuzione degli immigrati tra i 28 Stati membri.Grazie al lavoro del PPE si è giunti ad un accordo con il Consiglio in prima lettura che consentirà al sistema Eurosur di diventare operativo il 2 dicembre prossimo.
    Una qualsiasi modifica del testo concordato, anche irrilevante e totalmente fuori contesto come quella proposta dalla Lega, avrebbe comportato la riapertura della procedura e un inutile ritardo nell’applicazione di Eurosur, che avrebbe finito col penalizzare ulteriormente il nostro Paese.
    Con simpatia

Comments are closed.