luca maggio, luciano silighini, luca cabriniSARONNO – Luciano Silighini Garagnani ed altri due volontari “inondati” di spazzatura, lanciata dalla balconata del centro sociale Telos, poi momenti di tensione alla adiacente piazzola raccolta rifiuti: questi gli ingredienti della movimentata mattina domenicale per l’esponente della lista Saronno 2015 ed i due saronnesi che si erano resi disponibili ad aiutarlo nel progetto di pulizia di aiuole e marciapiedi cittadini.

L’idea di Silighini è stata quella, alle 9.30, di iniziare proprio dai dintorni del Telos.

In un comunicato, Saronno 2015 fornisce la propria versione dell’accaduto

Questa mattina Luciano Silighini Garagnani in compagnia di Luca Maggio e Luca Cabrini, due cittadini, volontari, hanno iniziato a ripulire le aiuole intorno a via Varese e via Milano. Appena dinnanzi al centro sociale Telos sono caduti in un vero e proprio agguato premeditato, infatti dal terrazzo dello stesso una ventina di occupanti al grido di “Silighini fascista” hanno iniziato a lanciare cumuli di spazzatura, bottiglie, lattine e altri materiali contro i tre ricoprendo tutta la zona antistante di pattume e oggetti vari. Il gruppo di Silighini dirigendosi all’interno della discarica comunale è stato raggiunto anche li da alcuni militanti del Telos che brandendo delle bottigliette hanno continuato ad urlare “Silighini fascista vieni fuori”.

Prosegue il comunicato:”Il gruppo dei militanti del Telos nel frattempo era aumentato e si era diviso in due frange, una in strada e l’altra appostata dalla terrazza pronta a continuare il lancio. Chiamato il 112, il gruppo di Silighini è riuscito ad allontanarsi grazie ad alcuni passanti che sono intervenuti portando via i tre con un’auto ed evitare lo scontro fisico. La mattinata si è conclusa al comando dei carabinieri dove è stata presentata regolare denuncia.

Per Silighini

Questa è la faccia vera di questi personaggi ai quali il Comune permette di vivere in città dettando legge. Si muovono in branco e nessuno vieta loro di compiere azioni simili. Hanno interesse per il rispetto dell’ambiente? Si è visto questa mattina quando invece di pulire insieme a noi le strade, hanno ricoperto tutto di spazzatura cercando di ferire se non altro oltre me anche due persone tra i quali un padre di famiglia che voleva solo ripulire delle aiuole. Il sindaco Luciano Porro e i partiti di sinistra ora resteranno ancora silenziosi o prenderanno finalmente il coraggio di parlare e agire contro questi personaggi che danno del fascista a me ma si comportano loro da squadristi?

201013

37 Commenti

  1. silighini qui nella foto in posa con lo 0,2 per cento delle precedenti elezioni.

  2. Qualcuno immaginava un finale diverso? Silighini li hai provocati….. figurati se venivano a pulire con te come docili agnellini….. l

    • Ah ah ah, dal primo al secondo comunicato si è passati da pattume vario a oggetti di ferro arrugginiti. Ah ah. Con in mezzo anche un suo commento fingendo di essere un tizio che lo ha accompagnato a casa che parla di 30 persone e sassi. Ah ah.
      Anche la storia dell’inseguimento presunto alla discarica è arrivato a parlare di una decina di persone che lo circondano e lo minacciano. Ah ah ah.
      Al quinto comunicato parlerà di bombe a mano e mitragliette brandite minacciosamente.

  3. “Saronno città degli amaretti” poi “città degli Angeli” ed ora “città dei telos”. Che escalation!

  4. cosa c’era da pulire? i ragazzi del telos avevano gia pulito la sera prima, come fanno sempre dopo ogni serata al telos.

  5. Pur non condividendo nessuna delle proposte di Silighini , più mediatiche che concrete , in tal caso la violenza non è mai accettabile . I centri sociali , così facendo , danno solo credito a quanto si afferma e screditano le loro stesse “battaglie ” .D’intuito e intelligenza ne hanno davvero pochina. I Telos dovevanoa almeno attivare quel gruppo di mamme telosine che sono al loro fianco … un’altra occasione persa

  6. Ah ah ah, a me questa notizia fa un sacco ridere.
    Ma quello che mi domando è:
    avete pulito qualcosa in giro, o no?
    ci sono dei rifiuti vicino a casa mia, silighini perchè non passi a dare una pulita? io fossi in te metterei su una piccola impresa di pulizia per far concorrenza ad econord.
    i ragazzi di telos hanno sbagliato in 20 mira? sei passato sotto da loro e nemmeno uno che sia riuscito a colpire uno dei tre? se invece ti avessero colpito puoi fare delle foto ai lividi, un po’ come facesti tempo fa quando ti tamponarono?
    in discarica nessuno è intervenuto in tua difesa quando sono venuto a minacciarti brandendo bottiglie molotov?
    i carabinieri sono sopraggiunti sul luogo?
    ma, cosa più importante: te ne sei andato lasciando tutta la spazzatura fuori dal telos? e ora chi pulirà? così alla fine ikl tuo intervento non solo non ha diminuito la quantità di monnezza per le strade, l’ha addirittura aumentata…

  7. In tutta sta vicenda si vede quanto sia diventata invivibile la città grazie a Porro che si fa comandare da questi . Dimettiti!!!

    • invece con i giornali che danno spazio e fomentano i teatrini di questo personaggio surreale andiamo bene…

  8. Io sono il signore che ha portato in auto queste tre persone. Dovete solo vergognarvi eravate in trenta a lanciare sassi e bottiglie di vetro contro queste persone che coi sacchi della spazzatura hanno portato via lo schifo che avete lasciato sotto il centro sociale e in via Varese. Pulite ogni sera? Io abito davanti e ogni sera si trova di tutto. Sono elettore PD ma mi vergogno per i gesti di queste persone ho assistito a tutta la scena e meno male che non hanno risposto alla provocazione! Siete peggio dei fascisti e Porro non avrà più il mio voto se non vi sbatte fuori dalla mia città !

    • Errata corrige.
      Fino a prova contraria è anche la loro città dato che ci vivono.

    • Andrea Ridolfi=Luciano Silighini.
      Basta pseudonimi. Silighini, forse è il caso che si dia un regolata. Questa non è più politica ma mitomania.

  9. Gesti vigliacchi che fanno di Saronno la pecora nera d’Italia . Porro rimedia e su Silighini che dire? Questo succede alle persone che invece di parlare agiscono. Imparino i politico soprattutto di destra. Non so se si candiderà davvero ma se lo farà avrà il mio voto. Franco Borghi

  10. Hanno ancora il coraggio di commentare ? Si firmino con nome e cognome !!! Cosa è diventata la mia Saronno!!! E la colpa non è altro che di Porro che permette queste cose. I no global padroni della città !!! Assolutamente voterò per lei silighini non si faccia spaventare la gente per bene è con lei

    • Dato che il 70% almeno dei commenti di questo sito è opera di Silighini, e dato che effettivamente continuare a rimarcarlo diventa stucchevole, ho un’idea: propongo al Silighini di organizzare un presidio o un corteo, in modo da dimostrare la sua forza sul territorio.

    • Mi rivolgo per l’ennesima volta lla redazione nella speranza di essere ascoltato.
      Come rammenta Lucia, che qui commenta con me, il 70 % dei post su questo giornale sono di Silighini che si nasconde dietro vari pseudonimi.
      Per favore, per serietà d’informazione, chiedete la registrazione a chi commenta. Già avere un email identificativa degli scriventi è qualcosa.
      Grazie

      Luca

  11. 44 gatti in fila per 6 con il resto di 2…..per rimanere in tema con il grande regista. .il 2015 si avvicina e li non si scappa, si contano i voti.Viste le folle oceaniche che raccoglie io nei suoi panni sarei tranquillo

  12. Ma dai, lo sanno tutti che Silighini si fa i commenti da solo! E Il Saronno è l’unico che pubblica le sue boiate!

  13. Forza Saronno 2015 e basta dar spazio a certa gente Silighini non ti curare di loro tira dritto

  14. Telos, occupa qualcosa che non deve, non paga tasse, imbrattano sporcano, basta Telos la polizia deve sgomberare tutto!

  15. Spazzatura tra la spazzatura.

    Da mesi oramai la nostra città è infestata dalla presenza e dai comunicati di un personaggio dal dubbio valore umano e dal sicuramente basso valore politico, che cerca in tutti i modi di procurarsi visibilità mediatica e politica, a livello cittadino, per cercare di lanciare la sua futura candidatura a sindaco alle elezioni comunali previste per il 2015.
    Il suddetto personaggio, dopo una non brillante carriera politica nella città di Genova, tra gruppi giovanili di Forza Italia e presidi organizzati assieme agli amici di Forza Nuova, è approdato nella cittadina saronnese. Dopo il naufragio della sua esperienza nelle fila del PdL e in Fratelli d’Italia, l’amico decide di fondare un proprio partito.
    La campagna politica del suddetto non ha tardato a svelare le sue idee da nostalgico del ventennio, e così, tra il tentativo di strumentalizzazione di un brutale omicidio e fiaccolate per la sicurezza mancate, tra il finto acquisto della squadra di calcio saronnese e presidi per i martiri delle foibe, tra post alla memoria di Ramelli e interventi in difesa del diritto dei bravi ragazzi di Forza Nuova a manifestare le proprie idee xenofobe, il nostro ha cercato di farsi largo nella politica cittadina. Vista la sua pochezza politico-argomentativa, la strada seguita è quella della provocazione, ed ogni questione viene ridotta ad un problema di ordine e decoro pubblico, terreno su cui pare vertere la quasi totalità del progetto politico del nuovo partito.
    Noi, come anarchici, ribelli, occupanti siamo diventati nel corso del tempo il suo soggetto di attacco preferito. Ogni nostra uscita pubblica è così diventata una ghiotta opportunità di strumentale visibilità, e quasi ogni giorno ci siamo visti provocare dalle deliranti esternazioni dell’ex genovese. Una nostra reazione gli avrebbe permesso una visibilità altrimenti difficilmente conquistabile, con le sue sole forze (il suo partito conta ad oggi, lui compreso, sulla forza di ben tre persone…).
    L’ultima, in ordine di tempo, provocazione partorita dalla mente del leader del movimento che un giorno, a detta sua, rivoluzionerà la nostra sonnolenta cittadina, è quella di incolparci di non interessarci abbastanza dell’ambiente, come invece sembriamo aver affermato dopo il corteo contro le devastazioni ambientali che il 12 ottobre ha attraversato le vie della nostra città. Il nostro disinteresse si evincerebbe, udite udite, dalla scarsa pulizia delle vie attorno al TeLOS a seguito delle serate musicali qui organizzate. L’idea che la pulizia delle strade non ci azzecchi nemmeno un poco con la lotta contro le devastazioni ambientali, come la TAV, la Pedemontana, l’EXPO e quant’altro, non sembra balenare nella mente del nuovo Berlusconi di Saronno.
    Ecco allora che il nostro amico ci propone di pulire assieme a lui il parcheggio di fronte al TeLOS, e di accompagnarlo poi per le vie della città, armati di scopa e paletta. Noi decidiamo questa volta di accettare il suo invito, e, nonostante l’orario a noi poco consono, alle 8 di domenica mattina siamo in piedi ad attenderlo.
    Purtroppo però come dopo ogni concerto anche questa volta abbiamo già ripulito il piazzale e il pezzo di strada adiacente al nostro squat. Ma non ci piace che questi rimanga deluso dalla mancanza di spazzatura da raccattare, e così, dopo tutta la notte passata in bianco per pensare a come riuscire a non deludere il nostro futuro sindaco, partoriamo una brillante idea. Ecco allora che quando i tre militanti della pulizia fanno la loro comparsa sotto le finestre del TeLOS, armati di scopa paletta e… videocamera, noi decidiamo di dargli della spazzatura da raccattare, per non doverli veder tornare su loro passi delusi e abbacchiati. Gli proponiamo ciò che la sera prima abbiamo ripulito: bicchieri di plastica e lattine vuote di birra, oltre a qualche fazzoletto sporco. I nostri eroi sembrano però non apprezzare il gesto di solidarietà e fratellanza, e senza nemmeno salutare si rifugiano dietro ai cancelli della vicina discarica. Delusi dalla reazione degli amici improvvisati netturbini, due di noi li seguono fino alla discarica, e fanno notare ai tre che oramai la strada è piena di spazzatura, e che sarebbe il caso tornassero a pulirla. Con un sorriso il nostro nuovo amico ci risponde: “certo, stiamo aspettando altre persone, non siamo solo noi, poi arriviamo”. Rinfrancati dalla risposta del nostro pupillo ritorniamo al TeLOS, dove però lo attendiamo invano per un’ora. Infine decidiamo, a questo punto offesi, di tornare alla discarica per accertarci di non essere stati presi per i fondelli. Il nostro oramai ex-eroe è però fuggito, qualcuno dice nascosto nel cofano di una macchina, dopo aver chiamato però i carabinieri della locale stazione (che però hanno evidentemente creduto di avere qualcosa di più interessante da fare, tipo bere il caffè, che venire a vedere un po’ di bicchieri e lattine vuote).
    E’ difficile per noi immaginarci la ragione di cotanta reazione. Invece di ringraziarci siamo stati ingannati e poi abbandonati, costretti a pulire, di nuovo, la strada sotto casa.
    Speriamo però prossimamente ci sia modo di chiarire il tutto, e si possa tornare di nuovo a ripulire allegramente assieme la città.

    https://www.facebook.com/notes/telos/spazzatura-tra-la-spazzatura/10153295177470018

  16. Bella la nuova definizione ” Saronno città dei Telos”. In effetti entrando in Saronno dalla Varesina, questo è il biglietto da visita. Arte murales? Bah, ho qualche dubbio in proposito, ne ho visti di migliori e meno ossessivi e ossessionanti. Certo ci avrebbero fatto una miglior figura ad aiutare a ripulire anzichè insozzare. Ma lì dentro non ci mette mai piede nessuno delle nostre autorità cittadine per vedere se rispettano le norme igieniche e la civiltà?

    • Io credo che le nostre autorità cittadine siano troppo tolleranti con questi gruppi , se un comune cittadino non rispettasse leggi e regolamenti comunali verrebbe facilmente sanzionato , mentre in questi casi si chiude un occhio se non 2

  17. Il prode no ha commemorato mai Ramelli e non vedo perché chi ha commemorato il ragazzo ucciso abbia fatto male.

  18. Non mi trovo in linea nè con il genoano nè con i Telos .
    Il primo , più che dar esempio (quale e per chi) ha cercato nuovamente i riflettori su di sè , con azioni plateali ma di nessuna sostanza .
    I secondi hanno risposto di par loro, per quello che sono .Hanno , erroneamente, dato al genoano quello che cercava : visibilità …null’altro

  19. Oh Silighini, illuso! lei crede davvero che il TELOS lo si batta facendo questo carosello napoletano? Bisogna risolvere il problema alla fonte: creando altri spazi per gente e ragazzi che vogliono far baccano come questi!

  20. Ma piantatela di essere ciechi e non vedere che seguito a Silighini!! Andare a vedere quelli che lo fermano per strada prima di parlare !!! Qui nessuno si rende conto che la gente ha le scatole piene e lui intercetta il malcontento. E più fare cose così più lui sale di consensi

    • Silighini, ma chi ti ferma per strada ?
      P.s.
      “non vedere che seguito a Silighini” ti sei dimenticato una H, ricordatelo per il prossimo comunicato stampa di domani.

  21. ciao sinistra critica… o “luca”… boh, come vuoi: il verbo avere usa l'”h” …la grammatica in politica è importante…

Comments are closed.