SARONNO – La Prepositurale ha contenuto a stento i saronnesi che ieri mattina hanno partecipato alle esequie di Franco Picco, 57enne saronnese dirigente in Regione Lombardia il cui corpo senza vita è stato trovato sabato scorso nel lago di Varese.

Attorno alla moglie Piera e alle tre figlie si sono stretti tantissimi amici e parenti ma anche tanti esponenti delle Regione dal presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo all’assessore all’Agricoltura Gianni Fava, dipendenti del comune guidati dal sindaco Luciano Porro accompagnato da diversi esponenti della Giunta e consiglieri comunali.

Toccante l’omelia di don Antonio Citterio che si è persino commosso ricordando “l’impegno, l’umanità di Franco e soprattutto la sua fede che ci consente di essere sereni anche in un momento in cui il dolore è tanto forte da spaccare il cuore e togliere il fiato”.

Al termine del funerale la moglie Piera Paoletta, dipendente comunale, ha tracciato un ricordo del marito: “Venerdì avevi preso qualche ora per liberare la mente e sei andato al lago che ti liberava sempre il cuore. Ricordo la tua ultima chiamata “la prossima volta devi venire con me, è bellissimo”. E poi il il lago ti ha abbracciato e cullato per un’intera notte. Non volevo vederti per timore che ti avesse rubato il sorriso ma in realtà eri bellissimo, sembravi addormenato nel tuo letto. E così la disperazione è diventata letizia”. Ha quindi preso la parola una delle tre figlie che ha ringraziato tutti dal Prefetto ai soccorritori, dalle autorità agli amici per il sostegno in questi giorni così difficili.

Dopo l’ultimo abbraccio di Saronno, sul sagrato di piazza Libertà la salma è stata tumulata al cimitero di Bregnano.

 

 

05122013