SARONNO – Dov’è finita la bandiera dell’Unione europea: se lo sono chiesto molti saronnesi a passeggio in centro in mattinata. Dai pennoni di piazza Libertà c’era quella italiana e quella comunale ma non la terza, quella blu con le stelle gialle. Rubata? Rimossa da qualcuno solidale con il vicepresidente di Casapound, arrestato venerdì scorso a Roma per avere tentato di toglierla dalla sede della Commissione europea? Un interrogativo davvero d’obbligo, di questi tempi.

La realtà saronnese è però decisamente diversa: nessun furto, nessun vandalismo, nessun gesto politico dimostrativo: benchè la cordicella fosse evidentemente spezzata e parte della carrucola fosse finita nell’aiuola, in questo caso si è di fronte ad un problema puramente “tecnico”. Domenica mentre gli agenti della polizia locale la stava issando, il cavo si è rotto. Tutto qui. La vigilanza urbana ha giò richiesto l’intervento dei tecnici di una ditta specializzata per rimetterla al suo posto; si dovrebbe provvedere nei prossimi giorni.

Nelle scorse ore per la vicenda dell’arresto a Roma del vicepresidente nazionale di Casapound, in relazione alla manifestazione davanti alla sede della Commissione europea, da Saronno al movimento di destra era giunta la solidarietà della lista Saronno 2015 e di Domà Nunch.

 

161213

8 Commenti

  1. come fate a credere che sia stato un problema tecnico?….sicuramente saranno stati quelli di Casapound, il male assoluto….detto anche ieri dal ns. premier….

    SIMONE LIBERO!!!

  2. Ditta specializzata??? Quanti dipendenti conunali ci sono a Saronno? Nessuno di questi ha un minimo di manualità da poter sistemare la cosa? Assurdo .

  3. Chiamate i giornalisti di assalto di Rete 55, loro si che sono esperti di bandiere strappate o rubate che siano…

Comments are closed.