SARONNO – Il corteo dei centri sociali alla vigilia di Natale fa ancora discutere.

Luciano Silighini Garagnani della listra di centrodestra Saronno 2015 replica alle “spiegazioni” dell’assessore comunale alla Sicurezza, Giuseppe Nigro.

Mi permetto di rispondere alle dichiarazioni che l’assessore Nigro ha esposto a mezzo epistolare rispondendo al cittadino che ha sollevato la questione dell’inopportunità di concedere piazza San Francesco alla manifestazione dei centri sociali ed il relativo corteo il sabato prima di Natale.

Come cittadino, professionista e portavoce di un comitato di cittadini, ho un appunto da fare. So benissimo che il sindaco Luciano Porro si è espresso in consiglio comunale in modo contrario verso il corteo, so anche che non è stata firmata da lui l’autorizzazione ma chi svolge attività politica e tutti i cittadini interessati sanno che in casi simili è certamente la questura, la Digos e anche il comando di polizia municipale a “prendere atto” che alcune persone decidono di manifestare tra le vie di una città.

Per una strana forma di “privilegio” si ritiene opportuno che ai centri sociali vengano concesse le piazze e le vie per “evitare disordini scortando con cordoni di polizia il percorso di detti cortei” ed i sindaci si ritrovano per questo surclassati da decisioni di “altre autorità”, come le definisce Nigro. Io non contesto questo presupposto perché so benissimo che la realtà può essere dipinta in tale maniera, ma contrasto l’idea del “siamo costretti a tacere, non decidiamo noi perché noi abbiamo detto no”.

Se Porro e i compagni di Sel e del Pd che reggono la sua maggioranza si sentono contrari a queste manifestazioni devono prendere una chiara e netta presa di posizione contro l’origine di queste manifestazioni, ovvero la realtà dei centri sociali occupati ed autogestiti, gli spazi abusivamente occupati e ogni sorta di spazio e riconoscimento che viene dato anche a mezzo stampa a certe realtà. Se esistono e gli viene permesso di esistere è ovvio che queste persone escano dai loro “covi” a portare avanti le loro idee. Se Porro e compagni di partito e di coalizione sono contrari a questi personaggi e alle loro azioni, si adoperino per contrastare la loro esistenza abusiva, non tolgano l’acqua ma facciano sgomberi coatti e veloci e possibilmente sarebbe opportuno che alcuni esponenti di partiti che appoggiano Porro evitino di fare elogi pubblici a queste persone attraverso le pagine facebook del centro sociale Telos come accaduto dopo l’aggressione a danno mio e di due cittadini che con me stavano semplicemente ripulendo via Milano.

Se Porro e Nigro sono contrari a queste manifestazioni dichiarino apertamente e pubblicamente la loro contrarietà all’esistenza del centro sociale Telos e si dissocino da chi li elogia e si adoperino immediatamente affinchè vengano sgombrati da spazi occupati abusivamente e se lo spazio di via Milano è privato, allora il Comune faccia denuncia perché all’interno si fanno concerti senza permesso, senza che le norme di sicurezza siano rispettate e si fa sommistrazione di alcolici in modo illegale. Il Comune faccia denuncia penale nei confronti di chi occupa questi spazi e si dichiari parte civile tutelando così anche i commercianti e gestori di locali pubblici che al contrario di chi occupa pagano tasse e permessi per lavorare. Solo a questo punto il Comune di Saronno dimostrerà di essere contrario a certe manifestazioni e a certe azioni. Altrimenti per serietà sarebbe meglio tacere.

311213

6 Commenti

  1. la cosa comincia a farsi interessante finalmente si passa dal piano della ” visibilità” ad un piano più politico e compaiono alcuni termini che denunciano l’appartenenza politica
    “Se esistono e gli viene permesso di esistere è ovvio che queste persone escano dai loro “covi” a portare avanti le loro idee”
    “si adoperino per contrastare la loro esistenza abusiva”…….

    ma il signor S è certo che ad esempio visto che nel corteo c’erano anche esponenti No TAV che la TAV sia una scelta giusta o invece è una spesa inutile e vado avanti certo fare un corteo non serve ma il malessere dei giovani che si trovano in uno stato dove la scuola è sempre più abbandonata a se stessa e sopravvive grazie alla buona volontà degli insegnanti …. che non trovano lavoro
    è reale…… allora ….

  2. certo per silighini vanno bene solo i forconi perchè in questi si trovano i suoi amici di FN che invece che dai covi stanno uscendo dalle tombe

  3. Basta Telos..mancano 2 anni poi con la nuova amministrazione chiuderemo i battenti. Illegalità totale da parte di chi non conosce la parola lavoro, sacrificio, risparmio, ma conosce bene la parola sfruttamento, esproprio……….vergogna!,

  4. se questo è il discorso politico non c’è altro da aggiungere

    intanto i battenti purtroppo si stanno chiudendo per molti in Italia
    troppa gente senza più un lavoro …..

Comments are closed.