CERIANO LAGHETTO – E’ stato notificato nelle scorse settimane al Comune di Ceriano Laghetto l’atto di rinuncia al ricorso da parte di una società proponente il progetto di centrale turbogas.

Centr

La società Sico Spa, ha infatti formalizzato, attraverso il presidente del suo consiglio di amministrazione, la volontà “di rinunciare agli atti del giudizio e alle relative domande, come presentate in atti, tutte comprese, nessuna esclusa, con la compensazione delle spese di causa”. L’atto di rinuncia è stato sottoscritto dal Comune. E’ certamente un’ottima notizia per il Comune di Ceriano Laghetto: il ricorso al Tar, tribunale amministrativo, contro la revoca delle autorizzazioni alla realizzazione della centrale, è stato presentato nel 2009 dalle quattro società che avevano proposto il progetto, tra cui la Sico spa che risultava essere la maggiore utilizzatrice in loco dell’energia eventualmente prodotta dal nuovo impianto. A questo punto potrebbe venir meno, o sarebbe quantomeno ridimensionato, quel requisito di autoproduzione, ovvero della produzione di energia per uso interno, che dovrebbe essere alla base della richiesta di autorizzazione di nuovi impianti. Dallo scorso mese di marzo, inoltre, al termine dello spoglio delle schede della consultazione popolare indetta sulla delicata vicenda, che ha visto una consistente partecipazione dei cittadini e una chiara indicazione espressa, l’Amministrazione comunale ha rafforzato la propria posizione volta ad impedire la realizzazione dell’impianto in assenza di una serie di precise garanzie e prescrizioni ed anche di un congruo accordo economico.

“Prendiamo atto favorevolmente di questa scelta, che ci rende ancora più convinti di avere fin qui agito per il bene di Ceriano e dei cerianesi e ci incoraggia a proseguire su questa strada” ha aggiunto il sindaco Dante Cattaneo.

170114