carabinieri piazza Libertà prepositurale videosorveglianza  (10)SARONNO – “Son tornato a casa di corsa ed ho provato ad aprire la porta ma questa era bloccata perchè i ladri hanno infilato una chiave all’interno per impedirmi di entrare nel mio appartamento”. Inizia così il racconto di un 50enne saronnese che lo scorso fine settimana è rimasto vittima di un furto nella propria abitazione.

“Ero uscito con tutta la famiglia per la spesa settimanale – spiega l’uomo che ha chiesto di mantenere l’anonimato – e proprio mentre eravamo alla cassa, sabato pomeriggio verso le 16, ci ha chiamato un vicino dicendo che era scattare l’allarme”. Il saronnese è subito corso a casa: “Non riuscivo ad entrare in casa ma fortunatamente sono arrivati subito i carabinieri che con una scala hanno raggiunto il balcone al primo piano e sono entrati”. Proprio come avevano fatto i ladri che avevano alzato la tapparella, forzato la tapparella penetrando nell’appartamento.

Da film lo scenario che il saronnese si è trovato davanti: ”In meno di dieci minuti hanno aperto tutti i cassetti e tutti gli armadietti di casa – ricorda – hanno letteralmente svuotato tutto. Hanno persino messo a soqquadro i faldoni del mio ufficio portando via i preziosi e i contanti che avevo in casa”. Una visita decisamente “costosa” per la famiglia che dovrà anche sostenere i costi per la riparazione della tapparella e della porta finestra. Costi che dovrà sostenere anche la famiglia del piano di sopra visto che i ladri avevano ripulito anche il loro appartamento. In questo caso il bottino è stato di gioielli e contanti.

18012013

10 Commenti

  1. i vicini telefonano e segnalano che è scattato l’allarme…..e nessuno interviene presi a guardare qualche soap opera televisiva.
    Tanto chi se ne frega….poi si chiede l’intervento della polizia, i carabinieri e l’esercito.Siamo seri

    • Bravo furbo! Se intervieni ti ammazzano, se spari vai tu in galera e non il delinquente. I vicini ti assicuro si saranno spaventati, altro che soap opera. L’unica cosa e’ chiamare subito i carabinieri.

      • infatti…..i vicini hanno chiamato i carabinieri?? assolutamente no,…erano disturbati dal suono dell’allarme.Questo è il senso civico dell’italiano medio. Poi a me rimane misterioso come nessuno veda/senta mai niente (che una finestra/tapparella forzata fa rumore e non poco). Chi ha tagliato i soldi alle forze pubbliche se ne dovrebbe assumere la responsabilità (che non è una decisione figlia di nessuno): come mai in zona c’è solo una pattuglia di sera con una Fiat Bravo che avrà più di 20 anni??? (quindi se chiam ii carabinieri arrivano quando possono…)

        • I vicini erano disturbati dal suono dell’allarme ???
          Spiacente, ma io non leggo cio’ nell’articolo.

  2. Sicuramente qs delinquenti hanno avuto una soffiata…ci vorrebbe la fortuna di prenderli, compreso il suggeritore, e lasciarli in carcere a lungo senza permessi premio, sconti pena e indulti vari!!! P.s…..ma alle persone oneste, se ai delinquenti viene dato tutto qs, che danno?

  3. Ha, così, esordito il primo cittadino – Ribadiamo la necessità di evitare le polemiche strumentali in merito alla sicurezza.

    • Ahimè il problema furti nelle case non riguarda la sola Saronno ma è una vera e propria emergenza nazionale. Frutto di tanti motivi ma anche dei continui tagli alle forze dell’ordine. Personalmente preferirei molti più uomini di pattuglia di notte (ben retribuiti) che acquistare decine di F35, pur comprendendo le mille ragioni, alla fine la vera sicurezza che manca è proprio quella più “terrena” e legata alla nostra proprietà privata.

  4. Dovrebbero dare più diritti ai proprietari delle case. Non che, quando entrano i ladri, uno non si può difendere!!!! Ma dove sta scritto? Neanche padroni a casa nostra? Andiamo avanti a proteggere i delinquenti e questo è quello che ritorna indietro alla povera gente!!!! Stato svegliati va che è ora!!!!

    • i governo non lo stato ed il governo é impegnato a tassare, a litigare sulla legge elettorale, al matrimonio tra gay e allo ius soli. Che gli frega se i cittadini vengono rapinati nelle proprie case? tanto a loro non accade.

  5. rendiamoci conto che circolano per l’Italia individui senza identità e con nulla da perdere ma con tanti buonisti e garantisti nostrani pronti a difenderli – rendiamoci conto che le patrie galere sono sempre più come il famoso formaggio svizzero – rendiamoci conto che politici ed amministratori pubblici gettano acqua sul fuoco ma non sanno che pesci pigliare – rendiamoci conto che mai sapremo che fine fanno realmente i soldi raccolti con le tasse perché se loro sono stati eletti ora non ci resta che farci da parte e lasciarli fare – rendiamoci conto che chi rischia per lo stato finisce in India e ci resta

Comments are closed.