30112013 rissa polizia locale via diaz piazza san francescoSARONNO – Aveva probabilmente alzato un po’ troppo il gomito il marocchino ventenne che qualche giorno fa ha improvvisato uno spogliarello a poche centinaia di metri dalla stazione.

E’ successo nel primo pomeriggio quando alcuni agenti della polizia locale impegnati in un pattugliamento in centro hanno deciso di controllare uno straniero che vagava senza meta barcollando. Quando gli hanno chiesto di esibire i documenti l’uomo si è arrabbiato ed ha dato in escandescenza. Urlava contro gli agenti mischiando parole in italiano e nella sua lingua madre. All’improvviso mentre inveiva contro i vigili si è slacciato la cintura e i pantaloni e li ha abbassati. slip compresi.

E’ rimasto qualche minuto mezzo nudo attirando lo sguardo dei passanti. Gli agenti non hanno perso la calma l’hanno invitato con fermezza a rivestirsi e l’uomo un po’ confuso ha eseguito l’ordine. E’ stato accompagnato in comando dove è stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico.

30012014

9 Commenti

  1. …mai dai su, avrà capito male: dopotutto non è certo per colpa sua se gli agenti di polizia locale gli hanno chiesto i documenti utilizzando la lingua italiana!
    Consiglio alla Porro & Co. per consentire un efficace processo di integrazione di far effettuare dei corsi di apprendimento della lingua araba a tutti gli operatori delle forze dell’ordine, magari su base volontaria e a costo zero, così per il futuro staremo certo più “tranquilli” che simili incomprensioni linguistiche non possano accadere più!

  2. nessuno che interviene a correggere la ‘notizia razzista’?
    ottima correzione potrebbe essere che ad abbassarsi i pantaloni sono stati gli Agenti di PL che il ‘controllato’ ha poi provveduto a riaccompagnare in comando.
    qualcuno parlerebbe di *distorsione dei fatti*, ma sicuramente qualcun altro sosterrebbe ‘finalmente una notizia non razzista’.

    che mondo.

  3. Quando io ero ragazzina e frequentavo le scuole medie “L. da Vinci” (circa 10 anni fa)…spesso di fronte al cinema S. Pellico stazionava un individuo noto perchè era solito fare esibizioni simili al “nordafricano” in questione. Se ne parlava, certo..ma i toni erano molto diversi (razzismo??) rispetto a come si è soliti fare in questa pseudotestata (voce del Comi-Silighini a marcata impronta razzista).
    Ah..il soggetto che stava di fronte al cinema era nato, cresciuto e residente a Saronno..

    • se ‘la pseudo testata’ fosse esistita 10 anni fa avrebbe riportato ‘italiano si abbassa pantaloni e slip’; la differenza è a nazionalità del ‘protagonista’.
      e quindi di che parliamo?
      un occhio limpido e pulito vedrebbe semplicemente una notizia riportata esattamente per ciò che è; un occhio viziato vedrebbe ‘razzismo’ a causa della differente nazionalità.

  4. L’azione è da interpretare solo come una vera e propria “presa per i fondelli”, possiamo star qui così a disquisire…non è questione di lingua italiana oppure araba!! Forse che in Marocco si usa così davanti a un controllo della polizia?

  5. un marocchino ubriaco mi ha insultato in discreto italiano e preso a calci mentre aspettavo all’ingresso di un condominio vicino alla stazione – se si fosse denudato sarebbe stato sicuramente peggio

  6. Forse qualcuno gli ha detto fuori dai c…….
    E lui capendo male li ha tirati fuori .

Comments are closed.