SOLARO – Scioperi a scacchiera mentre in preparazione c’è la trasferta a Roma: prosegue l’agitaxione nello stabilimento Electrolux di Solaro, che conta mille addetti.

La vicenda è quella del contenzioso con la direzione della multinazionale svedese, che vorrebbe tagliare gli stipendi del personale delle fabbriche italiane per ridurre i “costi”.

27092013 corteo riva svincolo origgio uboldo (5)

La formula adottata a Solaro è quella degli “scioperi a scacchiera”. Il timore non è solo quello legato ai futuri salari (si parla di una riduzione di 130 euro a testa) ma anche, secondo i sindacati, al rischio che la società voglia chiudere uno dei propri quattro plessi italiani, quello di Porcia in Friuli.

“Scenario inaccettabile – in sintesi il commento di Giovanna Annacoreta del sindacato di base, Cub – Anche le altre forze sindacali aderiscono alla protesta”.

Intanto si sta organizzando un corteo a Roma, la data è ancora da definire, per chiedere un intervento del Governo.

(foto archivio: precedente protesta alla Riva di Caronno Pertusella)

030214S