roberto barin new assessore (3)SARONNO – “Mi spiace per i disagi patiti dai residenti e dagli automobilisti ma si tratta di un intervento non più rinviabile e assolutamente necessario”. Così risponde l’assessore alla Mobilità Roberto Barin alle proteste dei saronnesi che si sono ritrovato in colonna davanti alla deviazione nell’ultimo tratto di via Frua creata per lasciare lo spazio al cantiere per chiudere la maxi voragine scoperta nel mese di febbraio e provocata dalle intense piogge.

“La riparazione della conduttura rotta – continua l’esponente della Giunta Porro – necessitava di particolari condizioni meteo e di un’azienda specializzata con le dovute apparecchiature. Quando il tempo e la disponibilità dell’azienda l’hanno permesso i lavori sono partiti”. E per quanto concerne la deviazione l’assessore ammette: “Se posso confessarlo l’ho scoperto anche io lunedì. In ogni caso il cantiere è necessario e dovrebbe concludersi nell’arco di una ventina di giorni. Si tratta di portare pazienza il tempo necessario a risolvere un problema”.

12032014

12 Commenti

  1. Oggi mercoledì è stata più tragica degli altri giorni…
    Mah Assessore non si potrebbe spostare sto mercato che non serve a nessuno tranne che a due pensionate che vanno a farsi il giretto per far passare un paio di ore?
    Sto mercato crea solo disagi alla circolazione e basta….eh poi lo fanno proprio in strade di grossa affluenza…ma daaai !!

    Per quanto concerne il lavoro di ripristino della fognatura, concordo sul fatto che il cantiere è necessario però per evitare che le auto si concentrino tutte sulla stessa strada è bene rivedere certi sensi unici della zona per ridistribuire il traffico in altre vie.

    Sinceramente lavori o non lavori, a Saronno non riesco a capire il fine di alcuni sensi unici che ti obbligano a fare un giro più lungo e a stare in colonna in quanto se un tratto a senso unico fosse a doppio senso si riuscirebbe a tagliare evitando colonna e INQUINAMENTO.

    Ricordi Assessore che quando si rivede la viabilità bisogna tenere presente di creare vie di sfogo alle starde di grossa circolazione e non concentrare le auto tutte in una direzione obbligatoria…si guadagna in TEMPO e INQUINAMENTO.

  2. ma come??? chi decide?
    città allo sbando?

    comunque: è possibile pensare a mettere un semaforo (quelli da cantiere) su via Larga congiunzione con via Frua piuttosto che pensare a cambiare il senso di marcia di via Togliatti?
    il problema è che tutto il traffico ‘entrante’ dalla parte ‘di Rovello’ (per intenderci) ormai per smistarsi deve arrivare fino la rotonda di via Bergamo…

  3. ancora questi Togliattiani (abitanti di via Togliatti) che preferiscono stare nella torre d’avorio, tanto gli altri possono stare tutti intasati e respirare HC, PM10 ecc.

  4. Qualcosa non mi torna. Certi lavori credo debbano essere “appaltati”, o comunque assegnati a una ditta, fatta una determina, eccetera. Ma al di là di ciò Barin vorrebbe farci credere che questi al lunedì si svegliano, vedono che c’è bel tempo, telefonano a Giuliacci che in tempo reale li rassicura e bum, pronti col lavoro? Dai, non ci crede nessuno! Tanto più che i tubi mi dicono fossero lì non dal lunedì, ma da prima. Questi sono peggio dell’armata Brancaleone.

  5. ROTFL
    ah ah ah
    Adesso abbiamo anche l’assessore “non sapevo”. Mi ricorda qualcuno…

  6. andiamo bene Barin……non è che nemmeno del nuovo intelligentissimo senso unico di via San Michele non ne sai nulla?!…no ecco perchè magari potresti dare una mano a Noi di Via Filippo Reina a capire come fare a raggiungere ora viale Lombardia…è partito lo Sconvolt Quiz

Comments are closed.