luciano porro sindaco (2)SARONNO – Il duro appello del Comitato antifascista saronnese non prende in contropiede il sindaco Luciano Porro che a caldo commenta: “E’ una presa di posizione che non aggiunge e cambia nulla: all’ordine del giorno della prossima seduta di maggioranza di domani (oggi ndr) c’era già la discussione sulle celebrazioni del 25 aprile dall’organizzazione della celebrazione a come rapportarsi con i diversi gruppi neofascisti presenti sul territorio”. Ma il primo cittadino va oltre:”L’agenda politica della maggioranza è precisa e decisa da tempo e non sono certo appelli provocatori ed estemporanei a dettarla o modificarla”.

E rimarca: “E’ importante che sia chiaro a tutti come il piano politico sia ben separato da quello Amministrativo. Io come cittadino sono in totale disaccordo con le idee e la propaganda neofascista vietata dalla Costituzione. E’ pur vero che ci sono movimenti, come Forza Nuova, che sono riconosciuti, tanto da partecipare alle elezioni e che quindi hanno il diritto di essere presenti in piazza come le altre forze politiche. Politica e Amministrazione sono due piani diversi. Per altro le autorizzazione dei gazebi vengono rilasciate direttamente dalla polizia locale che segue scrupolosamente la normativa”.

 

1 commento

  1. Io, potro’ pure non essere un simpatizzante di FN, ma se questo 25aprile dopo 70 anni, deve aver portato la situazione che ci troviamo oggi in Italia, non vedo piu’ nessun motivo di festa. E il chiudere la bocca a un partito in continua crescita che ha proposte e programmi, dopo 70 anni col semplice marchio di fascista, dimostra una grande ignoranza, che non prende seriamente l’attuale situazione italiana. Riflettete. E tanti auguri a tutti. r

Comments are closed.