gamberi, saronno via stampa soncinoSARONNO – Sono gli autori di decine di graffiti ed etichette sparse per la città di Saronno e sono solo degli emuli? E’ ancora da chiarire se esista un collegamento tra i due minorenni fermati dalla polizia di stato ieri sera e il più ricco “filone di graffiti saronnesi” degli ultimi anni.

Ma andiamo con ordine: tutto è iniziato alle 18,45 quando, nel sottopassaggio della stazione Trenord all’angolo tra le vie Monti e Foscolo, l’equipaggio di una volante della polizia di stato del commissariato di Busto Arsizio ha notato un ragazzo che stava scrivendo la nota tag “Gambero” sul muro. Alla vista dei tutori dell’ordine, nei pressi della scalinata che conduce al sottopassaggio, il writer ha lasciato cadere a terra uno zaino e si è messo a correre in direzione delle banchine sotterranee dei treni, subito seguito da un secondo giovane.

I poliziotti si sono messi al loro inseguimento e, grazie anche alle indicazioni di alcuni cittadini che avevano assistito al passaggio dei giovani, li hanno infine scovati mentre si nascondevano dietro a una pila di bancali all’interno di un deposito di materiale edile, che avevano raggiunto dopo averne scavalcato la recinzione.

I due, studenti non ancora quindicenni residenti a Busto Arsizio e Gallarate, hanno subito ammesso di essere stati sorpresi dai poliziotti proprio mentre tracciavano i graffiti, circostanza del resto inconfutabile poiché nello zaino abbandonato nella fuga, oltre alle bombolette di vernice, c’erano i documenti di uno di loro. I due giovanissimi, affidati ai rispettivi genitori, sono stati segnalati alla Procura.

(foto d’archivio: nel post un graffito gamberi realizzato a Saronno in copertina una delle etichette attaccate ovunque nel centro storico).

15042014

11 Commenti

  1. Problema sicurezza: come mai a Saronno scrivono da due anni e non sono mai stati pizzicati? A Busto devono essere più attenti al decoro urbano ed alla sicurezza 😉

  2. Signor Giuseppe i gamberi sono una “crew” e non hanno trovato i “gamberi ” ma hanno trovato un membro dei gamberi , e un palo l’altro ragazzo che stava con lui non nei gamberi, e questa crew è un insieme di persone che scrive queste frasi queste cose le so perchè vado nella stessa scuola del ragazzo quindi ce ne vuole di tempo per trovare tutti i membri, e secondo miei amici non ha lasciato cadere lo zaino ma lo ha lasciato li per errore alla vista degli agenti.

    • Non mi convince lo stesso..non fanno i disegni sui muri …dev’esserci per forza un altra spiegazione…secondo me è più una cosa politica

  3. A Busto Arsizio ci sono pattuglie di polizia e GdF in abbondanza, a Saronno ci sono solo i Carabinieri. Questa e’ la differenza!

    • E NOOO! …l’altra macroscopica differenza è che a Saronno c’è la Porro & Co (-1): …vuoi mettere????!!!!!

  4. I 2 imbrattatori sono stati individuati da una pattuglia di polizia. A Saronno abbiamo solo i Carabinieri che, peraltro, svolgono il loro lavoro molto bene, ma sono sotto organico. Basta leggere questo blog e ci si rende conto che nel saronnese viene smistata tanta droga.

  5. chiarisco un ‘ altra cosa uno imbrattava ed era nei “gamberi” ma l’altro non era in questa crew ma era solo un suo amico che faceva da palo , il ragazzo imbrattatore non ha mai toccato un MURO DI SARONNO , questi sono stati gli altri membri ! .

  6. tanto finirá con un “son ragazzi” e basta invece di punirli severamente. Se poi gli imbrattatori ( li definirei diversamente ma lasciamo perdere) siano gli stessi di questa povera cittá lo si puó scoprire da come “scrivono”. In fondo é calligrafia.

  7. Basta mandare il conto della ripulitura dei muri su cui compare la stessa scritta alle rispettive famiglie. La cifra, che diversamente si accollano gli sfortunati proprietari dei muri , potrebbe far impallidire i genitori , ma avrebbe il merito di sciogliere la lingua ai ragazzi . E così si arriverebbe a tutta la crew. Vediamo se in questo modo passano le smanie “artistiche” a danno degli altri!

Comments are closed.