SARONNO – Non si sono concluse le indagini su don Giovanni Desio, il sacerdote saronnese arrestato nel Ravennate con l’accusa di atti sessuali con minori ed adescamento.

don giovanni desio

Nei giorni scorsi alla canonina della parrocchia di don Desio, a Casalborsetti, si è infatti presentata la squadra scientifica per compiere una nuova serie di rilievi. L’arresto del religioso era avvenuto il 5 aprile e da allora i locali erano rimasti sigillati. Al sopralluogo c’era anche l’avvocato difensore del don, Battista Cavassi: c’è stato anche un controllo con la squadra cinofila ed in particolare dei cani specializzati nell’antidroga, anche se non è stato reso noto cosa stessero cercando e comunque non sarebbe stato rinvenuto nulla di rilevante. Sono stati comunque portati via dvd ed altro materiale informatico, che verrà sottoposto al vaglio. L’inchiesta dunque prosegue, mentre il sacerdote – cresciuto a Saronno ed in città volto molto noto – resta in carcere a Forlì, dove avrebbe ammesso almeno parte degli addebiti formulatigli dagli agenti della Squadra mobile della polizia di Ravenna.

200414