carabinieri piazza Libertà prepositurale videosorveglianza  (11)SARONNO – E’ stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Saronno un 43enne accusato di violenza sessuale aggravata e di lesioni personali a carico di una bimba di meno di dieci anni.

Sulla vicenda vige il massimo riserbo per tutelare al massimo la bimba, già provata dalla violenza, ma anche la famiglia. Proprio per questo i militari non hanno reso ne il comune in cui vive la piccola ne il luogo in cui è avvenuto al violenza: la priorità è proteggere la privacy della minorenne.

E’ stata la madre, secondo quando appreso, ad accorgersi che qualcosa non andava nella figlia e a decidere dopo le prime timide ammissioni della bimba di rivolgersi ai carabinieri. I militari hanno raccolto la denuncia della donna ed avviato subito le indagini trovando dei riscontri sul racconto della madre ed anche di quello della bimba. La vittima è stata ascoltata da alcuni esperti che oltre a fornirle tutto l’aiuto necessario a superare il trauma sono riusciti a ricostruire l’accaduto.

La violenza, che si sarebbe spinta ben oltre i palpeggiamenti, sarebbe stata consumata tra i mesi di gennaio e di febbraio. Terminate le indagini, coordinate dal pubblico ministero Raffaella Zappatini, si è arrivati all’arresto dell’uomo che aveva già avuto problemi con la legge ma non per reati di natura sessuale.

Anche la sua identità è avvolta nel massimo riserbo, sempre per evitare che venga identificata la bimba o la famiglia, visto che faceva parte della cerchia di persone frequentate dalla piccola.

22042014

3 Commenti

  1. Un solo commento? !?!
    Secondo me vengono tutti censurati….. chissà…. forse in tanti vorrebbero – giustamente- farsi giustizia da soli!

Comments are closed.