lega nord logoSARONNO – “La resistenza ad ogni forma di oppressione e prevaricazione è uno dei valori fondanti della Lega: per questo siamo grati a tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita lottando contro un regime autoritario”. Inizia così la nota inviata in mattinata dalla sezione cittadina del Carroccio per spiegare l’assenza dei propri delegati al corteo del 25 aprile.

“Riteniamo tuttavia che oggi ci sia ben poco da celebrare: a quasi settant’anni dalla liberazione, dei cittadini italiani vengono ancora arrestati per il solo fatto di non condividere il pensiero dominante, per aver osato, col loro sogno di un Veneto indipendente, mettere in discussione un sistema politico che si crede immodificabile, ma che ha condotto il Paese sull’orlo del baratro.
Fatti di questo genere sono degni delle peggiori dittature: che dire, poi, di ben tre Presidenti del Consiglio saliti consecutivamente al potere non perché eletti dal popolo, ma grazie ad opache manovre di palazzo, giustificate con lo spauracchio dello spread?
O della cosiddetta abolizione delle Province, le quali permangono tuttora e continueranno a sussistere, gestite però non più da amministratori liberamente scelti dai cittadini, bensì da burocrati che non rispondono del proprio operato davanti agli elettori?
In questo Stato sbruffone, tanto violento nel reprimere il dissenso dei cittadini, quanto prono ai capricci ed ai diktat di Bruxelles, la liberazione non è ancora veramente compiuta. C’è poco da festeggiare quindi: preferiamo tornare al lavoro, con costanza e determinazione, per difendere i cittadini e la democrazia da uno Stato che, lungi dall’essere espressione del sentire comune, è ormai diventato il primo e il più feroce degli oppressori”. 

(foto d’archivio: i consiglieri leghisti in consiglio comunale)

25042014

9 Commenti

  1. Ero iscritto a fb del caroccio, poiche’ esprimevo le mie idee, mi hanno bloccato, questa e’ la liberta’ che pregano i leghisti, falsi e tendenziosi, penso che abbiano gia’ dimostrato abbastanza

    • E secondo Lei la “libertà di insultare” su Facebook perché mai dovrebbe essere garantita?
      Stranamente le pagine social network di leghisti e Lega devono essere libero spazio al vomitare di insulti?

      • Veramente le idee non sono insulti come i carrarmati veneti, e poi mi scusi anonimo, ma tra Bassi, Salvini, c’è molto da imparare, ed anche dal suo tono, credo che dire più di 20 anni di attese fanno cadere ogni speranza non sia un insulto, ma lo è per che si crede Narciso, buon lavoro politico

        • La invito caldamente a rileggere suddetti post su facebook per capire in cosa consistono le “idee” di certi commentatori anti-Lega. I carri armati non sono insulti, i tanko meno, i trattori elaborati sono puzzette.
          Gli insulti gratuiti non sono idee.

        • Gli esponenti del carroccio hanno disertato il corteo, mentre li ho visti in chiesa. Le loro ragioni per l’assenza al sono o meno condivisibili, ma chiare. E quest’anno non sarebbero stati comunque nel mirino degli anarchici (forse).
          Perciò senza i leghisti da insultare gli antifa ed i Telos si sono dedicati al tiro al bersaglio con gli ex amici.
          Ma tutto questo cosa c’entra con il 25 aprile?

  2. Ricordatevi che l’unione fa la forza! Si cerca sempre il capro espiatorio come la tanta odiata Ue ma il vero problema italiano sono proprio i vari governi a cui ha partecipato anche la Lega. Le divisioni e i piccoli feudi non contano nulla nel mercato globale di oggi e se qualcuno un giorno ha coniato il detto l’unione fa la forza un motivo ci sarà.

  3. è evidente che non ci si iscrive ai gruppi avversi…..banalmente….è ovvio che se uno della Juve si iscrive al gruppo del Toro è giustissimo che venga cacciato….i dibattiti non si fanno con le tastiere…tantopiù a “casa mia” non mi garberebbe proprio che uno venisse a dibattere o criticare le mie idee……

  4. …a prescindere dai post di cui sopra (che nulla centrano con l’argomento) …quest’anno la mancanza di esponenti del “carroccio” ..ha fatto poca notizia! …. questo è dirla tutta, si vede che negli anni passati la “colpa di chi” non era proprio la loro!

  5. La Lega si distingue nettamente con la sua presa di posizione rispetto a tutto il teatrino politico messo in scena dalla sinistra e dalla destra.

Comments are closed.