ORIGGIO – Al processo per i presidi davanti ai magazzini della Bennet di Origgio quello di venerdì è stato il giorno delle testimonianze dei sindacalisti: davanti al giudice Piera Bossi (foto archivio) sono sfilati, al tribunale di Busto Arsizio, il coordinatore nazionale di Sì Cobas, Aldo Milani, ed il suo collega rhodense Gino Ossini, che hanno fornito la loro versione delle vicende di quei giorni quando, nel 2008, erano in corso presidi per questioni salariali, che riguardavano gli addetti di cooperative che operavano nel deposito della società della grande distribuzione.

Giudice Piera Bossi

Alla fine una ventina di persone sono finite a processo: sindacalisti, militanti dei centri sociali accorsi a solidarizzare con i manifestanti e collaboratori delle cooperative. A vario titolo, dopo le conclusioni delle indagini svolte dalla Digos, sono stati chiamati a rispondere di presidio non autorizzato, lesioni, furto e minacce. La prossima udienza è stata prevista nella giornata di venerdì 13 giugno, come sempre all’esterno del palazzo di giustizia da parte di sindacato e attivisti dei centri sociali sarà previsto un presidio in solidarietà con gli imputati.

100514