SARONNO – Otto pattuglie della polizia di stato hanno realizzato un controllo, nel pomeriggio di martedì, nel centro storico cittadino con particolare attenzione per la zona tra la stazione e piazza San Francesco.

Il servizio, realizzato ad hoc dopo l’accoltellamento avvenuto domenica 4 maggio che ha causato molto clamore in città, è stato coordinato dalla Questura di Varese con la collaborazione del reparto Prevenzione Crimine Lombardia, la Polizia Ferroviaria, la Scientifica e l’Ufficio Immigrazione.

Gli agenti, oltre una dozzina, sono rimasti in città dalle 14 alle 19 ed hanno identificato più di 80 persone, di cui 43 extracomunitari e più di 20 pregiudicati. A finire nei guai un tunisino di 37 anni, già noto, senza fissa dimora, irregolare sul territorio nazionale. Lo straniero è stato trovato in possesso di un coltello e denunciato per il porto abusivo di arma. È stato accompagnato a Bari per l’espulsione dal territorio nazionale. E’ stato emesso un ordine di espulsione per un algerino di 38 anni, e un marocchino di 19 anni sprovvisti di documenti. Un 17enne sudamericano è stato segnalato come consumatore di sostanze stupefacenti perché ritrovato in possesso di qualche grammo di marijuana. Sono finiti nei guai anche due saronnesi: un 27enne che non ha saputo spiegare come mai al momento del controllo fosse in possesso di una tenaglia in metallo, poi denunciato con l’accusa di possesso di oggetti atti ad offendere e un 42 gravato di accuse, per il quale è stato proposto un provvedimento di sorveglianza speciale.

13 Commenti

  1. Un plauso alle forze dell ordine ma proporrei di fare questi controlli anche vicino la stazione . Di fatto si é notata solo la presenza di pattuglie a seguito dell accoltellamento….ma i soliti noti ( inconfondibili) spacciatori e irregolari sono sempre in postazione . nn possiamo controllare anche questi elementi e mandarli via una volta per tutte? sfido a travarne uno con regolare permesso di soggiorno . Si possono trovare anche ai giardini vicino la scuola Vittorino da Feltre e ai giardini di via padre reina

    • indispensabile l’apertura di un commissariato di P.S. a Saronno …oppure scendano in campo gli agenti di P.S. già presenti … ovvero gli agenti delle Polizia Locale!
      Porro & Co. (-1) …DIAMOCI UNA MOSSA!!!!!

  2. Bene , era proprio ora , anzi meglio tardi che mai , spero che non resti una azione isolata , ma solo un inizio per migliorare la situazione a SARONNO .

  3. Tre considerazioni:

    – Molto bene, bravi.
    – Una azione spot non serve a nulla. Bisogna ripetere l’attività tutte le settimane per qualche mese. Solo così i delinquenti cambieranno aria.
    -Sig. Porro, ma tutti questi delinquenti dove si nascondevano quando lei diceva che a Saronno non c’era alcun problema ?

  4. andranno avanti così per 1/2 mesi finchè ci sono i riflettori puntati….poi tutto tornerà come prima, fino al prossimo accoltellamento….classico….

  5. risposta a ulcastigamatt….purtroppo non sono l unico a saperlo. lo sanno tutti quelli che vivono in questa zona. la cosa é stata già segnalata a chi di dovere . che dire speriamo …

  6. Speriamo venga fatta spesso….anche di pomeriggio si ha paura passeggiare con i bambini per la gentaglia che c’e in giro!

  7. allora Saronno non è off limits per la Polizia di Stato ! – la raccolta è stata profiqua e varrebbe la pena di continuare – i fuorilegge della stazione sono una piccola quota degli extracomunitari a Saronno e questo è il modo per tutelare quelli di loro che si comportano da bravi cittadini

Comments are closed.