biciclette deposito via Diaz (1) SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata dal comune di Saronno in merito alla querelle sulla chiusura del deposito di biciclette di Saronno, annunciato dalla lettera di lettore de ilSaronno e a cui ha risposta il sindaco Luciano Porro e l’assessore Roberto Barin provocando anche una presa di posizione dei rappresentanti cittadini di M5S.

“Ferrovienord spa ha comunicato al Comune di Saronno con lettera del 18 giugno, quanto segue:

– il deposito biciclette presso l’officina ferroviaria di Saronno sarà oggetto di lavori di riqualificazione; nel frattempo l’attuale deposito di biciclette, sito all’ingresso delle officine, continuerà ad essere accessibile gratuitamente dai pendolari;

– sono previsti per il futuro notevoli miglioramenti dell’accessibilità ciclistica della stazione con la prevista realizzazione di altri due parcheggi in adiacenza della stessa, che consentiranno un risparmio di tempo per i viaggiatori rispetto alla situazione attuale;

– tali parcheggi saranno realizzati da entrambi i lati della stazione: sul lato est verrà realizzato un ampio parcheggio per le biciclette derivante dalla sistemazione dell’area adiacente al binario tronco 1; sul lato ovest verrà realizzato un parcheggio bici adiacente all’edificio della ex Bernardino Luini, che sarà terminato entro quest’anno, in coincidenza con la fine dei lavori del settimo binario. Il parcheggio sarà più grande dell’attuale, gratuito e con accesso controllato tramite scheda magnetica ed inoltre dotato di videosorveglianza.

Si va quindi verso il potenziamento degli spazi riservati ai ciclisti nei pressi della stazione e non verso una riduzione, come era emerso da qualche lamentela giunta in comune.

Siamo pertanto sicuri che nei prossimi mesi, con i lavori realizzati da Ferrovienord, si andrà ulteriormente nella direzione di migliorare la fruizione della Stazione centrale di piazza Cadorna da parte dei ciclisti/pendolari.

20062014

5 COMMENTI

  1. Missione compiuta! :..scaricabarile effettuato! Trenord eseguirà l’opera e la Porro & Co.(-1) ne trarrà i benefici d’immagine per la prossima campagna elettorale. Geni non solo si nasce, ma a volte lo si diventa, a spese di altri….

    • Più spot elettorale di questo “al contrario”… non finirò mai di dirlo, alla politica serve gente costruttiva, non solo e sempre distruttiva, altrimenti le critiche hanno l’effetto contrario, quando sono solo pretestuose e inutili come in questo caso.

  2. caro Il Saronnese due precisazioni: Trenord non esegue nulla in quanto il soggetto attuatore è Ferrovienord. E non si comprende come debba essere diversamente; gli investimenti e i lavori in aree ferroviarie mica li deve fare il comune

  3. ..tutti precisini precisini! complimenti sia a Lorenza che all’uomo delle ferrovie: me li segno i vostri interventi, sia mai che fra qualche mese ciò che ho affermato non accada veramente che l’esponente della Porro & Co. (-1) non vada ad inaugurare il nuovo deposito biciclette rimesso a nuovo da “FerrovieNord” (va bene così?) …. in piena campagna elettorale! 🙂

  4. Al netto della propaganda: l’attuale spazio, imbiancato e sistemato credo 2 anni fa rimarrà? Oppure le nostre ” amate ” ferrovie apriranno la fiera del tronchesino da entrambi i lati della stazione?
    Ps
    Ci sono anche gli scooter non dimentichiamo.

Comments are closed.