SARONNO Martedì 24 giugno, nel salone delle feste di casa Lazzaroni, in piazza San Francesco, si è celebrato il “passaggio di consegne” al vertici del Rotary Club dal presidente uscente, Laura Brianza, al nuovo presidente, Alberto Aceti, che rimarrà in carica fino a giugno 2015.

Una cerimonia in pompa magna per celebrare un anno di successi e augurare altrettanta fortuna per il nuovo anno rotariano; erano presenti quasi tutti i soci con consorti, più i rappresentanti di altri club ed i giovani del Rotaract, tutti eleganti in un’atmosfera amichevole e familiare.

Alberto Aceti è stato cittadino saronnese fino al 1994, poi si è trasferito a Gallarate per motivi di lavoro. E’ farmacista e discende da generazioni di farmacisti, sia da parte di padre, sia da parte di madre e tutta la sua esperienza professionale l’ha trasferita al servizio del Rotary, di cui è socio dal 2001, dopo essere stato precedentemente nel Rotaract (il club per i giovani con meno di trent’anni), di cui è stato presidente per ben due volte e anche rappresentante distrettuale.

Nel suo discorso programmatico il neopresidente ha espresso l’intenzione di rendere il Rotary più visibile sul territorio e aprire il club in particolar modo alle donne ed ai “giovani” con meno di quarant’anni. Particolare impegno sarà profuso per il “Rotary Contact”: il grande evento che dal 16 al 19 maggio 2015, in occasione di Expo, ospiterà a Saronno circa un centinaio di Rotariani con le rispettive famiglie, provenienti da diverse parti del mondo e, in particolare, dalla Gran Bretagna, dalla Germania, dalla Francia, dalla Spagna e dal Belgio.

Alberto Aceti ha inoltre annunciato che nel prossimo anno intende avviare un progetto di cooperazione internazionale con un paese in via di sviluppo.

La presidente uscente, Laura Brianza, sotto la cui presidenza il club saronnese è tornato nelle piazze e si è distinto per numerosi sostegni a iniziative benefiche, nel passare il testimone, con un filo di commozione ha dichiarato “Poter servire come presidente di Club è una delle esperienze più emozionanti che i “tuoi” soci possano regalarti. E’ un onore essere testimone di quanto possiamo fare con il nostro essere rotariani ogni giorno. Grazie per le emozioni, per le gioie. Abbiamo fatto tanto, siamo una grande squadra, con un capitano che cambia ogni anno, ma che non cambia nel sentire e nei valori che porta avanti nel tempo”.

26052014