polizia locale (6)

SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata dalle rsu della polizia locale in merito alla vertenza aperta con il Comune.

In relazione alla vertenza aperta con l’Amministrazione Comunale se mentre per il primo punto e cioè quello relativo alla costituzione del fondo premio incentivante si è trovata , al momento, una soluzione soddisfacente, non si può tecnicamente parlare di accordo definitivo in quanto manca la parte della distribuzione tra le varie voci, sul secondo punto le organizzazioni sindacali e le RSU in data 25 Luglio 2014, hanno riaperto le procedure previste in Prefettura a causa del mancato rispetto da parte dell’Amministrazione dell’accordo firmato il che porterà, inevitabilmente, ad una accentuazione della vertenza, sino all’estrema soluzione dello sciopero, salvo un improbabile cambio di rotta.

Dobbiamo ricordare infatti che l’accordo sulla previdenza è stato siglato nel 2012, ma che la prima e parziale entità di contributi è stata erogata meno di un mese fa. Appare dunque, quanto meno inusuale che a distanza di due anni, ci si domandi le motivazioni dell’accordo firmato.

Inoltre l’ulteriore proposta formulata dalle Rsu il 25 luglio per addivenire ad una soluzione condivisa, proposta di assoluto buonsenso sia economico che procedurale, per addivenire ad una definizione dalla vicenda, è stata respinta per ragioni più di principio che di merito.

resto è solo l’ultimo atto che vede sempre più il depotenziamento della polizia Locale nel comune di Saronno. Un comando dove nel corso del tempo l’Amministrazione ha iniziato prima con il ridimensionamento del numero, non sostituendo il personale andato in pensione o andato in altri enti, a differenza di quanto fatto in altri settori, nonostante i servizi richiesti siano in aumento , proseguendo poi con il mancato adeguamento di mezzi e strumentazioni. Servizi svolti tanto per fare un esempio su tutti, con autovetture obsolete e inadeguate, che comportano costi esponenziali in manutenzione ordinaria e sempre più straordinaria.

Gli agenti di P.L. del Comune di Saronno ancor più demotivati a causa anche del mancato rispetto dell’accordo firmato sulla previdenza complementare, non possono che trarre la conclusione che questa sia l’ennesima prova della scarsa attenzione al settore nonché una preconcetta visione del ruolo da essi svolto.
Per questo motivo metteranno in campo tutti gli strumenti consentiti dalla legge e dalle norme per far valere i propri diritti e per tutelare il corpo.
A Settembre avvieremo una serie di iniziative di protesta, di cui ci scusiamo sin da ora con la cittadinanza. Sapremo informare adeguatamente attraverso comunicati stampa, presidi, volantini i cittadini delle motivazioni che ci costringono a protestare.

I rappresentanti RSU della Polizia Locale comune di Saronno
Antonio Borgo, Beretta Roberto, Antonio Durante, Matteo Piuri

26072014

13 Commenti

  1. il mancato rispetto dell’accordo firmato sulla previdenza è l’ennesima prova che per il corpo non vi è nessun tipo di attenzione

    qualcuno spiega all’ignaro cittadino cosa significa??

  2. Che significa nessun tipo di attenzione? Semplice, basta osservare auto e moto in dotazione….I cittadini vogliono sentirsi sicuri e nn vedere criminalità di ogni tipo, ma la polizia locale credo abbia le mani legate xe’ in caso di bisogno l’amministrazione sta dalla parte degli extracomunitari, il servizio delle iene di un paio di anni fa lo mostrò in modo eloquente e vergognoso….spesso devono svolgere compiti spettanti ai carabinieri pur nn essendo addestrati x qs….vivono sulla strada rischiando ogni cosa con stipendi bassi, tra l’altro……possono bastare qs esempi o bisogna elencarne altri x capire il significato di nessun tipo di attenzione? Bisogna iniziare ad avere più rispetto e comprensione verso qs corpo….

  3. io ho chiesto banalmente quale è il punto di non accordo sulla previdenza integrativa (che credo sia solo della Polizia Locale, visto che gli altri dipendenti comunali non sollevano il problema), non una discettazione sui massimi sistemi. Credo che il cittadino debba conoscere chiaramente questo punto, visto che sono risorse della comunità tutta, stiamo parlando di soldi o di meccanismi?? Aspetto che qualcuno chiarisca il punto

  4. Ma parlate di professionalità, stipendi, rischio, qualcuno mi sa dire che cosa dovrebbe fare il corpo di polizia locale, o meglio Vigili Urbani di una volta, esiste un mansionario noto a tutti i cittadini, oppure chi ha la pistola di ordinanza, ha sempre ragione, e basta.

  5. Ma basterebbe chiedere una risposta al sempre presentissimo assessore Nigro che nel corso degli anni ha tolto dignità, carattere e importanza a quello che solo quattro anni fai era un vanto della città di Saronno
    . E che invece oggi l’assessore è riuscito a ridurre a mero complemento di nessun valore della sicurezza saronnese. Tanti complimenti all’assessore Nigro clap clap clap

  6. Secondo me e gran parte dell’opinione pubblica saronnese se devono tagliare spese il settore della PL , in questo momento mi pare il meno indicato , vista la brutta situazione della città . sarebbe bene sapere dove e quanto questa amministrazione ha scelto di tagliare , pur avendo messo le tasse locali tra le più alte della zona. Davvero un indice di malaamministrazione

    • per saperlo basta leggere il bilancio e le varie delibere.
      Qui invece non si riesce a capire il punto del disaccordo della previdenza integrativa, cosa diavolo è e da dove viene finanziata.Qualcuno con meno poesia vuole spiegarmi come funziona ?? Viene finanziata dalle multe per caso???

      • Con le multe si finanzia la previdenza integrativa.
        Con le multe si finanzia il pagamento degli stipendi di tutto il comune, giunta e assessori compresi.
        Con le multe si finanziano parecchi servizi al cittadino.
        Con le multe i comuni ci finanziano di tutto e di più.
        Se i vigili smettessero di fare le multe i comuni chiuderebbero!

Comments are closed.