SARONNO – Oggi pomeriggio i ragazzi del centro sociale Telos, e tanti solidali, arrivati all’intera Lombardia scenderanno in piazza e attraverseranno la città in un lungo corteo, 4,4 chilometri attorno alla zona a traffico limitato per far sentire la “propria rabbia per lo sgombero dello stabile di via Milano” che per cinque anni, dal marzo 2009 allo scorso 10 settembre, ha ospitato le attività dei ragazzi. Sarà anche l’occasione hanno spiegato gli organizzatori “per rimarcare che il telos non era uno stabile colorato ma le esperienze e le relazioni che si sono create in questi anni e che non spariranno, anzi continueranno a vivere e a far sentire la propria voce in tutta la città”.

IlSaronno seguirà il corteo dal concentramento alle 14,30 in piazza San Francesco per raccontarlo con le immagini in diretta

56 Commenti

  1. Paralizzare una città è un grande esercizio di democrazia….complimenti agli ipocriti arroganti che stanno manifestando…

    • per non parlare dell’intervento delle forze dell’ordine, che paghiamo noi. Solo il costo dell’elicottero che per ore ha orbitato sopra Saronno….

    • E i parkometri che hanno distrutto con colle e vernici ?
      Così non pagate più i parcheggi hanno detto.
      Che dire ?
      GRAZIE MILLE !!!

  2. Avanti ragazzi!!!
    Non si possono fermare le idee e i sogni di così tante persone!!!

  3. Poveri ragazzi, non avranno più lo spazio per le loro attività…
    Ah no aspetta, si possono drogare anche nelle loro ricche dimore!
    Quasi mi facevo imbrogliare da giornalisti e moralizzatori che scelgono di difendere sempre i delinquenti e mai i cittadini…

    • Il tuo commento trasuda ignoranza.
      La droga con il Telos non ha niente a che vedere.
      Parli per sentito dire e sei male informato.

  4. Possibile che dobbiamo essere in ostaggio di questi teppisti, per la gran parte neanche di Saronno, che sono solo capaci di imbrattare il muri!!! Una bella randellata in testa!!!!!

  5. Purtroppo, credo che sia proprio tu a doverti informare meglio, non solo sui siti intendo, perché da quello che dici dimostri o di dover difendere certa gente o di non saperne sufficientemente. Mi auguro sia la seconda ipotesi.

    • Questa è bella e buona.
      Un nuovo alibi per attaccarli?
      Elencami concreti avvenimenti che giustifichino la tua affermazione.
      Io ti posso dire che sono capitato diverse volte al Telos, sia per vedere un film e sia per sentire della musica.
      In tutte le volte che sono stato lì non sono mai incappato in drogati o spacciatori o brutte scene che ho visto in ben altri luoghi (come qualsiasi discoteca).
      Inoltre conosco alcune persone che gravitano al Telos e la droga non fa certo parte della loro vita.
      Ripeto, parli per sentito dire.

      • si “limitavano” ad occupare uno spazio privato e non pagare le bollette, più qualche scritta sui muri e manifestazioni varie per Saronno

  6. Ma quale avanguardia culturale??? Solo svogliati prepotenti sedicenti intellettuali che anelano al NULLA, come nulla è la loro voglia di lavorare!
    Non è necessario essere anarchici e occupare le proprietà altrui per dare valore all’arte. Si possono fare attività artistico-culturali in numerose associazioni che mettono a disposizione spazi aperti ai giovani, non accampiamo scuse!!
    E ai tanti solidali di Saronno e circondario : visto che avete più di una proprietà ed è giusto occupare, perché non aprite le porte delle vostre case per fare una bella Comune con bravi e talentuosi ragazzi e non vi fate imbrattare i muri di casa vostra delle loro “poesie”??? Ah, ma se vi toccano i vostri soldi però non ci state, eh!!!??? Solo quelli di tutti possono essere spesi, vero? Per impiegare elicotteri e forze dell’ordine a tenere a bada questi cari ragazzi??? Siete ancora più miserabili di loro!!! VERGOGNA!!

    • tecnicamente occupavano abusivamente una proprietà privata scroccando allegramente acqua e luce.
      Devono imparare a pagare affitti e bollette !

      • Dico che la proprietà, che non aspetta altro di distruggere un ottimo esempio di architettura industriale del primo Novecento per farne palazzine (con vista sulla piattaforma ecologica) poteva anche staccare la luce e l’acqua e lasciare che restassero dove erano fino a progetto “cementificazione” approvato. Nel mentre si poteva studiare un’altra soluzione.

        • ma come fai a dire che si distruggerá un esempio di archeologia industriale se non si sa nulla su come sará ristrutturata l’area? certo, potrebbe essere ma in tal caso si contesti quando sará il momento. Palazzine? non credo che poi ci sará la fila per accaparrarsi un apoartamento con vista sulla piattaforma ecologica. Ció detto era giusto che si ponesse fine a questa occupazione illegale, nessuno ha diritto di entrare in casa di altri. Vogliono un posto per ritrovarsi? paghino come tutti, non vedo perché dovrebbe pagare il comune con – anche – le mie tasse. Che serviranno per rimediare ai danni che hanno fatto sabato.

        • la luce se la sono procurati da solo allacciandosi abusivamente alla rete comunale, per quanto riguarda il distacco dell’acqua ricordo che già all’epoca avevano fatto manifestazioni di protesta (mi pare avessero addirittura occupato il comune)

  7. 500 persone sono tante, a Saronno voi in quanti scendereste in piazza?
    Sareste solo in 5 a dire il rosario.
    E’ per questo che siete sempre incarogniti con (quasi) tutto.

  8. Se stessero cinque anni vicino a casa mia sarei contenta. Come sono contenta di vedere tanti giovani che si organizzano per dare una risposta a dei bisogni sociali come quello della casa. Impariamo a vedere il lato positivo di quello che fanno. Basta essere pecore mute o lamentose.

    • l’importante è che siano “vicino” a casa sua ma “dentro” a casa di qualcun altro e che si allaccino all’utenza di qualcun altro.
      Comodo !
      (le associazioni che si sbattono gratuitamente e pagano bollette, affitti ecc sono “pecore mute o lamentose” ?!?)

  9. Se i proprietari dello stabile occupato avessero richiesto lo sgombero il giorno dopo l’occupazione avrebbero risparmiato molti problemi a tutti, giusto lo sgombero ma dopo 5 anni forse era meno dannoso per tutti lasciarli dove stavano e rispondere alla proprietà di pagarsi di tasca propria i costi per gli agenti durante, dopo lo sgombero e di tutte le conseguenze…alla fine i maggiori responsabili di questo casino invece restano quelli meno danneggiati!

    • E’ proprio questo tipo di analisi che i Telos cercano di instillare nelle menti dei cittadini: visto il casino che fanno in giro, meglio lasciarli in Via Milano!
      E invece no: giusto sgomberarli in continuazione.
      Come ancora più giusto sarebbe sgomberare in continuazione spacciatori, clandestini e criminalità varia ben radicata in città.

  10. TUTTE LE SCRITTE E I DANNI LI DOVREBBERO PAGARE I COMPAGNI DEL SIG. SINDACO. Magari è la volta buona che la smettono di rovinare le città.

  11. È ridicolo vedere che c’è gente che difende non tanto le persone che per anni hanno occupato abusivamente la struttura, rubando i soldi ai cittadini, ma le loro stesse azioni di vandalismo. Direi a chi difende le loro “ideologie” (va oggi di moda chiamare ideologie i semplici comportamenti da svogliati, nullafacenti e presuntuosi) di sistemare tutti i danni commessi alla città, dalle scritte sui muri ai vari oggetti di urbanistica e viabilità rubati tanto per divertimento. Ma tanto, è l’ideologia che sta alla base che conta…

  12. si ringrazia comi dopo la sua battaglia per aver ristabilito la legalita’ a saronno e se queste sono le conseguenze…….gia’ ma lei non vive a saronno……….sono d’accordo con alba e con laura perché sono stati anche i miei vicini di casa , non c’e’ paragone con immigrati clandestini anche loro mie vicini di casa , trovarseli di fronte ubriachi non è molto simpatico…….ed anche danilo non ha tutti i torti

  13. Laura… La buonista… Ovviamente parla così perché il problema non sussiste. Magari andassero li vicino a casa sua scroccando acqua e luce dalla sua abitazione… Dopo varie feste con musica spacca-orecchie, alcool a fiumi e droga ovunque… Voglio vedere se sarà di nuovo felice di avere intorno quei poveri ragazzini indifesi….

  14. Il buonismo e la demagogia di alcuni commenti di questa pagina fanno accapponare la pelle. Non esiste giustificazione per chi imbratta muri o occupa case. Se mi serve la macchina la compro, non ne rubo una, qualsiasi sia il motivo. Se devo manifestare il mio dissenso non lo scrivo sui muri o sulle vetrine dei negozi. 500 imbecilli hanno bloccato e imbrattato Saronno, 500 non 5000!!!! Il dramma è che anche questa volta hanno vinto loro, hanno fatto quello che volevano e non ci sono state conseguenze. Perché se io parcheggio in sosta vietata mi multato e se uno di questi puzzoni imbratta un muro non succede nulla?

  15. Che schifo e che palle questi del telos ma non hanno altro a che fare…. e pensare per colpa delle loro idee spesi soldi della comunita per far sorvolare un elicottero x ore sulla citta.. forze dell ordine spianate altri costi x la societa… per cosa una manifestazione che ha poco srnso con i problemi di crisi di oggi …ma basta non ne posdiamo piu’ …
    Ah ma loro c…o gli fotte le tasse non le pagano….pessimismo e FASTIDIO

  16. Ma come cazz.. si fa ad autorizzare una manifestazione del genere oltretutto il sabato pomeriggio. Città bloccata, case imbrattate, commercianti incazzati etc etc
    Bravo sig. Porro.

  17. Anonimo smettila di ribattere ad ogni psro perche dimostri che sei davvero un’ arrogante odioso….giustificami un po questo….le scritte “il lavoro rende schiavi” comparse nel pomeriggio sui muri della città, cosa dimostrano, cosa volete esprimere?? Spiegami il vostro punto di vista….io mi faccio il culo tutti i giorni per il mio lavoro e son molto molto vicino a chi padre di famiglia e non nin ha un lavoro e sinceramente non ha nessuna voglia di ascoltate le vostre ipocrisie….siete dei FALLITI….poi parli di droghe…li hi visti io con i miei occhi e sentito con il mio naso qualche mese fa quando eravate tutti all’esterno sui marciapiedi di via Milano con i vostri banchetti…girava fumo e birra…ricordati una cosa, A Saronno non siete giovani solo voi e state bene attenti perché fino ad ora la rabbia dei Saronnesi con la S maiuscola non è ancora sfociata solo perché siamo gente civile….VERGOGNATI TU E I TUOI AMICHETTI

  18. …ah un altra cosa, complimenti per aver occupato un appartamento ALER che a giorni sarebbe stato consegnato ad una famiglia di Saronnesi bisognosi…perche non vai tu a parlarci con quel padre di famiglia….ah gia voi siete intelletuali a cui tutto e concesso, noi invece poveri cristi ignoranti e servi del sistema….

  19. Caro signor Rossi, è possibile sensibilizzare su di un problema in molti altri modi meno dannosi per la città, basta solo seguire quelle semplice regole che gestiscono il tutto. Se basta non seguire queste ultime per entrare nella fascia “avanguardia culturale”…

  20. Qualsiasi idea quelli del Telos vogliano diffondere la rovinano a prescindere con gli atti di vandalismo.

  21. saronno é ormai conciata da buttar via, tra cortei, scritte di ogni genere sui muri ed il suk delle ore 20, meglio passare i sabati pomeriggi a Legnano.Peccato, era una bella cittadina ridotta cosí politici incapaci ed ingenui.Gli aggettivi sarebbero altri ovviamente.

  22. Il punto è proprio questo: la manifestazione non è stata autorizzata ma, semplicemente, subita. E più avanti si andrà a subire e sempre più difficile sarà estirpare il problema.

  23. Mi dispiace dirlo ma c’è una grossa responsabilità delle forze dell’ordine.
    Questore e Prefetto dovrebbero rispondere di questo.
    Se non sono in grado di bloccare una manifestazione non autorizzata e delinquenti che con mazze e caschi distruggono e minacciano DEVONO ANDARSENE.
    Se le cose continuano così scenderanno I cittadini per riprendere la città.
    E sarà vostra responsabilità.
    Stiamo superando ogni limite è decenza.

    • La Questura non ha vietato la manifestazione in quanto se avesse deciso di bloccare i manifestanti in Piazza San Francesco ne sarebbero scaturite 2/3 ore di guerriglia urbana e scontri notevoli visto che i manifestanti questo giro avevano delle “signore prime linee” (e soprattutto ultime….vedi il gruppetto dei 20 che concludevano il corteo tenendosi staccati dallo stesso disinteressandosi totalmente del corteo e dei cori da esso lanciati, belli armati di mazze di legno). Quindi in questi casi tra la guerriglia urbana e un corteo non autorizzato con qualche danneggiamento si sceglie il male minore che appunto è il secondo….

      • Il male minore per chi? Per la Questura!
        Vengono in gita?
        O una ventina di persone armate di mazze fa paura?
        E poi quale guerriglia? Se non sono capaci di prendere 20 persone e caricarle sui furgoni la prossima volta se ne stiano a casa!
        Ieri hanno fatto una gita, se non c’erano sarebbe stato uguale!
        O mi vuoi dire che hanno impedito qualcosa?
        E non me la prendo con carabinieri e poliziotti,
        Ma con chi li gestisce. Ripeto è responsabile il Questore e chi ieri ne faceva le veci!

        • minore per la questura ma anche per la città….fidati, non so se hai mai visto scontri di piazza seri (almeno alla televisione sicuramente si) ma un po’ di traffico in tilt e di muri scritti sono decisamente meglio di vetrine rotte, di tavoli e sedie di bar usati come scudi e lance, di piazze con sanpietrini divelti, di 400 persone che scappano senza controllo per le vie della città e di tante teste rotte dall’una e dall’altra parte (magari come spesso accade anche di chi non c’entra nulla…)

          • Quindi? Zitti e fermi a subire?
            E la prossima volta? Quando saranno 1000?
            Qual’è la tua ricetta? E poi non mi sembra che 20 persone sono 400..
            Lo diventeranno se lasciamo sempre correre e se restiamo a subire.
            Chiaramente non intendo che devono ammazzarli di botte, ma quantomeno bloccarli. Altrimenti siamo tutti legittimati a fare quello che vogliamo.

          • purtroppo devo concordare con Saronatt: in una situazione come quella o si arriva allo scontro diretto e violento tra FdO e manifestanti, o li si lascia circolare cercando di contenerli e di limitare i danni. Anche io penso che sia sbagliato, ma da noi non si puà usare la forza contro i cortei di questo tipo …

  24. Mamma mia, quanto odio!!
    Sono preoccupato per il futuro, pur non essendo un anti-Telos, ho tirato un sospiro di sollievo,constatando che i danni si sono, per così dire, limitati alle scritte sulle banche.
    Come ho già scritto in un altro topic inerente al corteo di ieri, mi dissocio in toto dagli atti vandalici,e, per fortuna, non si è arrivati allo scontro,visto che prendere botte non piace a nessuno, manifestanti o poliziotti che siano.
    Ora,però vorrei sottolineare che l’astio che si percepisce nei commenti contro i manifestanti mi pare quantomeno pari all’astio che i telosini e i loro soci dimostrano nei confronti dell’autorità,o chiamatela come volete.
    Basta, per favore, basta, se fosse possibile, da entrambe le parti.
    Io capisco l’indignazione di chi si è ritrovato il muro imbrattato, di chi si è visto negare il pagamento del parcheggio,ma ricordiamoci che la violenza chiama solo altra violenza.

    • veramente i danni sono un po’ più ingenti che “i muri delle banche”: sono stati danneggiati anche parchimetri, bancomat, muri/vetrate di altri edifici e attività commerciali, nonchè del Municipio e dell’agenzia delle entrate. Senza contare il costo del dispiegamento di Polizia e Carabinieri (elicottero compreso) e i disagi causati ai commercianti ecc. ecc.
      La rabbia nei confronti del Telos nasce dal fatto che tutto questo è assolutamente inutile e soprattutto ha delle motivazioni assolutamente inconsistenti !
      Già siamo in un periodo di crisi e i soldi sono pochi, se poi dobbiamo spenderli per riparare i datti fatti dai Telos…

  25. Alcuni commenti sottolineano la responsabilità dei i 100 firmatari; spero che abbiano letto la lettera.
    Sono uno dei 100, ma ho firmato il principio che fosse maturato la legittimazione di esistere del TELOS e che fosse necessario aprire un dibattito risolutivo sulle aree dismesse e gli spazi per giovani che desiderano esprimersi diversamente. Altre cose sono le responsabilità oggettive a Saronno e nel Paese che non possono giustificare gli atti di vandalismi, che delegittimano non solo chi li fa ma anche chi come me ha sottoscritto. Quella lettera conserverà la mia firma ma non può e non deve essere di giustificazione e supporto a qualsiasi atto di violenza verso il bene comune. Qualsiasi ragione può reggere se non si forniscono le occasioni, altrimenti si creano le condizioni per non trovare le soluzioni. Questo era lo spirito della lettera e questo principio io difendo.
    Il mio commento a chi critica la mia firma… Un post. Sul mio blog: Svegliarsi un mattino… e scoprirsi incauto
    http://www.schegge-e-riflessi.it/wblog/?p=468

    • Enrico, lascia perdere.
      Avete fatto un grosso errore, non so se con leggerezza o se qualcuno invece crede davvero che alcuni giovani possano comportarsi così.
      Da sempre ci sono giovani che manifestano per qualcosa di diverso, ma diverso è fare i teppisti. E questi sono teppisti.
      Le proteste che danneggiano gente comune volutamente, non per errore o come danno collaterale, sono solo da reprimere, non c’è niente da capire!
      E più li lasciamo andare avanti più sarà peggio.
      Vi ricordo che mentre erano in Via Milano hanno occupato altri stabili, dimostrando di non cercare un posto ma una sorta conquista dopo l’altra.
      Secondo te come si fa a reagire a questo?

  26. Caro Enrico + gli altri 99 “PENSANTI”,nn ho capito 1 cosa…chi nn la pensa come voi è 1 bestia?? Nn sono dotati di intelletto in quanto si dissociano??!!

  27. La questura e la prefettura hanno delle enormi responsabilità…enormi!!La prox volta saranno 500 e poi 600 e poi…..prima o poi andranno fermati o no?Negozi chiusi, gente che non è venuta a Saronno, danni a pubblico e privato…chiediamo i danni al questore oppure la prossima volta lasciamoli sfilare senza nessuno che stia lì a fargli da baglia….poi vedremo se i cittadini si desteranno dal loro torpore!!!!!

Comments are closed.