festoria (www.festoria.it)SARONNO – Niente Festoria quest’anno: il tradizionale appuntamento musicale in piazza dei Mercanti è “saltato” e con tutta probabilità non sarà più riproposto in futuro, malgrado il successo sempre ottenuto.

In una lettera aperta, che qui pubblichiamo integralmente, gli organizzatori del circolo culturale “I briganti” fanno sapere il perchè dell’addio a questo evento molto apprezzato dai giovani e non solo. E da loro giunge un pesante “j’accuse” al Fisco italiano.

In tantissimi si sono accorti che a settembre in “piazza Rossa” non si è svolta la manifestazione Festoria-Per non dimenticare, la festa nata spontaneamente 20 anni fa’ da un gruppo di giovani ai quali una decina d’anni dopo è subentrato il circolo culturale “I briganti” al fine di creare, una volta all’anno, un luogo riconosciuto e condiviso, in cui le diverse realtà associative e i singoli rendessero visibili “su una piazza” le espressioni culturali che negli ultimi due decenni hanno mosso il territorio locale e che durante l’anno rimanevano chiuse tra quattro mura.

L’anno scorso abbiamo comunicato che non sussistevano più le condizioni per organizzare Festoria con serenità anche a causa delle normative fiscali. Questa decisione è la triste conseguenza di quanto accaduto durante l’edizione 2010, quando durante i quattro giorni della festa sono stati fatti accertamenti impensabili in questa Italia che pullula di evasori fiscali. In poche parole la Guardia di Finanza ci ha trattato come imprenditori che fanno del commercio l’abituale ragione della loro attività, trascurando ogni nostra obiezione, non solo di non aver mai tratto alcun reddito, ma di aver solo lavorato e sostenuto di persona i costi, solo in parte ridotti grazie al contributo del Comune. Di fatto, il circolo I Briganti è sempre stato un’associazione culturale cui il direttivo dedicava volontariamente del tempo libero da impegni professionali e di lavoro e i cui strumenti tecnici, le risorse finanziarie e l’apparato organizzativo erano talmente minimi da non permettere l’impianto di un sistema contabile e di controllo simile a quello del mondo commerciale, fosse anche solo quello di riferimento delle piccole imprese.

Un conto era pertanto ragionare su quale potesse essere il miglior modo di gestire la documentazione amministrativa della festa, altro è stato ascrivere, come ha fatto la Guardia di Finanza, a “irregolarità formale e sostanziale dell’impianto contabile amministrativo” una serie di comportamenti assolutamente comuni e consueti nel mondo del non profit. I militari hanno ipotizzato erroneamente che le modalità con cui I Briganti hanno reperito fondi per sostenere la propria attività fossero da considerare a tutti gli effetti di natura commerciale, destituendo così il circolo dalla qualifica tributaria di “ente non commerciale”, rafforzando questa tesi con una serie di osservazioni sulla presunta infedeltà e incoerenza dell’impianto formale e sostanziale della contabilità, per giungere a una ricostruzione in via presuntiva dei corrispettivi e del reddito del tutto fantasiosa e irrealistica.

Se l’attività compiuta nei giorni di Festoria era del tutto non paragonabile a quella di una qualsiasi attività commerciale, non abbiamo invece mai sottovalutato per la tipologia dell’evento (musica dal vivo e ristoro su area pubblica) la necessità di dotarci di una serie di permessi, autorizzazioni e nulla osta (anche nell’ambito della sicurezza e dell’igiene) imprescindibili per la natura stessa dell’evento, e l’abbiamo sempre fatto raggiungendo livelli qualitativi perfino superiori allo standard necessario. Assimilare quindi lo strenuo impegno profuso da pochi volontari al concetto di “organizzazione complessa” e “attività imprenditoriale di programmazione per un unico affare” è apparsa una qualificazione fuor di luogo perché ha ricondotto i pochi giorni all’anno di Festoria a parametri con i quali di solito si attribuisce “stabilità e continuità” all’attività di imprese commerciali veramente remunerative. Sembra incredibile ma, per fare un esempio, il nostro banco dei panini e della birra è stato paragonato ai “chioschi presenti sui lungomare nei periodi estivi”. E allora ecco l’accusa di evasione fiscale per la mancata formalità delle scritture contabili, e poi la confusione tra il concetto di attività di somministrazione di alimenti e bevande a pagamento con la raccolta pubblica di fondi, che è uno strumento per raggiungere il fine istituzionale di un’associazione e che, nel caso nostro, serviva solo a pagare le spese di organizzazione e a creare un fondo cassa per lo svolgimento delle attività culturali dell’anno. Insomma, è come se la GdF dovesse qualificare tutte le feste patronali o sagre di quartiere promosse da associazioni civili o religiose e in cui esista una semplice possibilità di ristoro come imprese commerciali che danno reddito tassabile. Nel nostro caso l’atteggiamento intransigente e veramente “fiscale” della GdF, fatto proprio dall’Agenzia delle entrate, ha messo i cinque membri del consiglio direttivo di fronte a una angosciosa scelta: pagare subito una somma ridotta di 66 mila e 396 euro oppure ricorrere al giudice di merito rischiando, in caso di sconfitta, di dover sborsare 115 mila e 468 euro più le spese. Sarebbe come scegliere se fermare uno tsunami con i palmi delle mani oppure scappare. Esatto, scappare! Perché non si trova altro termine. Scappare dal disastro. Perché cinque non sono solo persone, cinque sono le famiglie che verrebbero investite dall’onda, quell’onda che per molti mesi questi cinque volevano cavalcare alla ricerca della giustizia ma che 115 mila 468 pensieri hanno ingigantito giorno dopo giorno, avvocato dopo avvocato, consulente dopo consulente. Qualcuno non condividerà la scelta fatta dai cinque, ma forse con quel qualcuno è possibile intavolare un confronto, mentre con l’Agenzia delle entrate no. O paghi o rischi. E rischi 115 mila 468 euro veri, più le spese. Rischi almeno 25 mila euro a testa. Rischiano operai, impiegati e cassintegrati che hanno solo organizzato Festoria senza intascarsi nulla, come accertato. Rischiano cinque persone che erano entusiaste di organizzare una festa per tutti. E nel 2014 le cinque persone e le loro famiglie non se la sentono di provare a fare gli eroi, ma inconsapevolmente lo dovranno essere per racimolare i 553 euro al mese a testa da versare fino all’estate 2016. Per aver organizzato Festoria. Per aver visto volti sorridenti.

Circolo culturale i Briganti

30092014

19 Commenti

  1. Non temete che, scrivendo pubblicamente che la Guardia di Finanza è stata “fantasiosa” durante i suoi accertamenti, la cosa potrebbe peggiorare la situazione?

  2. che tristezza vedere uccidere un Paese a colpi di burocrazia.
    Realtà artigianali chiuse e perse per sempre perché “incongrue” agli studi di settore e impossibilitate a far fronte alle tasse.
    La voglia di scappare sta dilagando.
    Ragazzi , che dirvi : cercate di dimostrare che avete ragione , non c’è altra strada, purtroppo…

  3. Io sto con i ragazzi che hanno organizzato Festoria in tutti questi anni.

    Se decidono di pagare e c’è da fare una raccolta fondi ci sono.

  4. Saronno ormai è una citta senza legge e morale dove l’Autorità Statale viene villipesa a spron battuto dai sinistroidi che si nascondono dietro alla solita cortina fumogena “Siamo un circolo culturale”, “Siamo un’avanguardia culturale”… Aveva ragione colui che diceva “Quando sento la parola cultura, metto mano alla pistola”…

    • Complimenti per la “alta” citazione! pronunciata sia da Baldur von Schirach, capo della gioventù hitleriana e luogotenente del Reich che da Goering e Goebbels. Poco vale che sia di Hanns Johst commediografo tedesco, l’appartenenza è la stessa. Preoccupante!

  5. Fanno concerti senza pagare il Fisco, la guardia di finanza li multa..
    “eh no,sono delle povere vittime di interpretazione errata della Gdf”
    Occupano degli spazi di proprietà private, vengono sgomberati da celere e CC..
    “eh no, sono bravi ragazzi che recuperano spazi abbandonati dai privati”
    BASTA CON QUESTO LASSISMO…
    Finalmenete dal 2015 – se non prima – quando Luciano Silighini sarà sindaco la musica cambierà…

  6. Possibile che anche SanSilighiniMiracolini non possa fare niente? ☺ ☺ ☺
    (so che non c’è da ridire, anzi, ma davanti a una notizia simile non si può fare altro che cercare di sdrammatizzare)

  7. io non capisco, ma tutte le associazioni quando passano a fare eventi in cui si vendono “cose” oltre un certo limite sono assoggettate a leggi che sono ben diverse da quelle di una associazione tra amici: ma di cosa ci stiamo lamentando?? dell’ignoranza delle regole?? del fatto che nessuno si sia preoccupato prima degli aspetti fiscali???

    • credo che la differenza sia che chi ha organizzato l’evento ha chiesto tutte le autorizzazioni e pagato il dovuto… come organizzazione no profit…
      mentre la GdF li abbia considerati come associazione a scopo di lucro per cui soggetta a tenere una contabilita’ di un certo tipo che al controllo e’ chiaramente mancata.

  8. In Italia, COME SEMPRE, si tartassa la brava gente, mentre milioni di euro vengono bellamente sottratti al fisco ogni giorno da trasportati in elegantissime valigette firmate.
    Vergogna!
    Arrestate gli evasori, fermate le transazioni in nero, invece di prendersela con chi non ha nemmeno i soldi per difendersi.

  9. Un’altra delle (già poche) iniziative che animavano Saronno se ne va. Non ho idea di quale fosse il valore economico del giro d’affari che gravitava intorno a Festoria, ma considerare attività commerciale i baracchini di una festa di paese (perché di questo si trattava in fondo, non di concerti di Madonna o degli U2) mi sembra abbastanza irragionevole. Soprattutto in un Paese dove esistono evasori totali per decine di milioni di euro l’anno che non pagano e non pagheranno mai.

Comments are closed.