Home Cronaca La pioggia non ferma Silighini: presidio alla Casa della solidarietà

La pioggia non ferma Silighini: presidio alla Casa della solidarietà

26
10

SARONNO – La pioggia che questa sera è caduta su Saronno non ha fermato il presidio di Luciano Silighini Garagnani che con Forza Nuova e Fiamma tricolore ha organizzato un momento di protesta contro il progetto de la “Casa della Solidarietà” in via Piave.

“Siamo convinti – ha spiegato Silighini urlando sotto la pioggia davanti ad una decina di sostenitori – che questa operazione edilizia trasformerà di fatto il quartiere Aquilone in un ghetto dove centinaia di extracomunitari si metteranno in fila per lavarsi e mangiare caricando il Comune di Saronno di enormi spese di gestione ma soprattutto causando ai residenti in zona un grave pericolo per la sicurezza oltre al disguido di ritrovarsi code immense di disperati in fila per mangiare. Si vogliono trasferire qui servizi già presenti a Saronno ma la loro dislocazione in varie zone rende il disagio minore. Accorpare tutto in un unico palazzo distruggerà di fatto la tranquillità dei residenti in via Piave“.

Davanti allo striscione con lo slogan:”No alla mensa e al dormitorio per gli immigrati. Volontè pensa ai saronnesi” Silighini ha invitato i residenti “alcuni dei quali si sono affacciati alla finestra per ascoltare il comizio” a far sentire il proprio no ad un progetto “che è portato avanti dal centrodestra con l’avallo del centro sinistra”. “Non illudetevi che il rinvio in consiglio comunale sia per tutelare il quartiere – ha urlato – è tutto deciso e andrà tutto avanti come da programma se non vi ribellate”.

Sono seguiti alcuni cori come “Diritto alla casa e al lavoro, non ce li abbiamo noi, non ce li avranno loro” seguito dall’inno d’Italia.

Alla fine della manifestazione, controllata da agenti della polizia di stato e carabinieri, Silighini ha sottolineato in una nota “ho ricordato che tra i proprietari del palazzo ci sono Enzo Volontè e tre associazioni nelle quali i soci si ripetono comparendo contemporaneamente in più associazioni. Tra i tre gruppi ci sono anche i Lions Insubria che ha tra i soci consiglieri comunali e anche la l’europarlamentare Lara Comi”.

07102014

10 Commenti

  1. Iniziano a stancare queste iniziative, per fortuna il 2015 è vicino e dopo le elezioni Silighini sarà finalmente costretto a mollare il colpo e smetterla con queste ”manifestazioni”

  2. sono così decisi che neppure l’acqua li ferma, e dopo l’acqua ci sarà il cerchio di fuoco??? credo che da macchietta possano trasformardi in un pericolo….

  3. Populismo come se piovesse. Ah, pioveva…beh…allora…populismo e basta (con un tocco di ultraconservatorismo xenofobo).

  4. Chissà se in un momento di crisi come questo alla mensa ci sono solo o in maggioranza stranieri… ma tanto che conta quando l’unica cosa che si vuol fare è darsi visibilità? Poi se qualche associazione caritativa senza alcun fine se non la solidarietà si mette ad aiutare gli italiani “solidarietà nazionale” che fa? Che meriti prende?
    Sempre più allibito da questo signore della strumentalizzazione.

  5. Bho che articolo inutile e sopratutto che titolo eroico 🙂 se vi interessa la pioggia non ferma neanche me quando vado al lavoro, vi mando un comunicato stampa ?

  6. Vergognosa manifestazione contro le associazioni di solidarieta’ saronnesi. E’ una vergogna che si sfrutti la mancanza di informazioni dei cittadini per raccontare cose non vere. I servizi esistono già in giro per la città ed i maggiori utenti sono italiani.

  7. Faccio notare che su quasi 1000 residenti dell’Aquilone neppure uno è sceso giù con questi signori. Il Comitato di quartiere l’aveva avvisato che rischiava la figuraccia… il fatto è che gli straordinari ai poliziotti li paghiamo noi

Comments are closed.