SARONNO – Sono iniziati ieri mattina alle 11 i lavori per il riposizionamento della statua lignea “Padre Eterno” al centro della cupola del Santuario della Beata Vergine dei Miracoli affrescata da Gaudenzio Ferrari con il “concerto degli angeli”.  Si tratta dell’opera realizzata, nel 1535-1536 da Andrea da Corbetta e decorata da Alberto da Lodi.

Dopo il restauro delle statue lignee delle sibille e dei profeti la Soprintendenza ha chiesto che, prima di riposizionarle ai piedi della cupola ci provvedesse a ripulire le nicche che le ospitano a rinnovare l’impianto di riscaldamento in modo da ridurre al minimo i danni provocati dall’aria calda.

Visto che tutti questi interventi necessitavano di un ponteggio a 14 metri d’altezza sull’altare si è pensato di aggiungerne “un piano” e realizzare un intervento di pulizia dell’affresco “Concerto degli Angeli” di Gaudenzio Ferrari. Nell’ambito di questo intervento è stata prevista anche la pulizia e il restauro della scultura “Padre Eterno”.

La scultura era stata rimossa dal centro della cupola lo scorso 9 luglio e da subito le sue condizioni di conservazione era apparse preoccupanti tanto che tra i cherubini era persino stato trovato un nido di piccioni. “Complice l’apertura all’esterno – spiega Carola Ciprandi restauratrice che da tempo si occupa delle statue lignee del Santuario –  era davvero malridotta non solo per i segni del tempo ma anche per i problemi provocati dai piccioni. Le mani, ad esempio, erano letteralmente ricoperte di guano”.E’ stato un intervento non semplice non solo per le grandi dimensioni della scultura, che ha un diametro di oltre due metri ma anche perchè è composta da diversi pezzi. Impacchettati singolarmente, la testa, la parte inferiore con il panneggio, l’aureola e i 24 raggi del disco, sono stati portati ala laboratorio di Parabiago dove sono stati sottoposti ad interventi di pulizia e di restauro duranti tre mesi. Altrettanto difficile sarà il suo riposizionamento all’interno della cupola.

“Si tratta di una fase molto delicata – continua Ciprandi – e per poter operare con tranquillità e sicurezza abbiamo preferito chiudere momentaneamente la zona dell’altare ai fedeli” continua la restauratrice. I lavori proseguiranno nella giornata di oggi: ”Salvo imprevisti dovremmo completare il montaggio e il posizionamento per il fine settimana”.

10102014