Home Città Riscoprire le origini di Halloween: la saronnese Casalini racconta come e perchè

Riscoprire le origini di Halloween: la saronnese Casalini racconta come e perchè

49
2

monica casalini halloweenSARONNO – Sfatare falsi miti sulla ricorrerenza di Halloween e raccontarne le vere origini è quello che si propone la saronnese Monica Casalini che ci ha inviato questo breve testo sulla festa che ricorrerà tra pochi giorni. Un’occasione per dar voce alle promotrici, tra cui la stessa saronnese, del sito www.levereoriginidihalloween.it.

Siamo alle solite. Anche quest’anno sono tornate le crociate contro la festa di Halloween: chi la definisce americana, chi addirittura satanica!
Che ne dite se facciamo un ’bout di luce sulla cosa?
E proprio per fare un ’bout di illuminante cultura è nato l’anno scorso il progetto “Le vere origini di Halloween” promosso da quattro donne decise a diffondere un ’bout di sano sapere e soprattutto di buon senso. Infatti la festa dei morti nacque millenni fa nelle lande del Nord Europa con il nome di Samhain, ovvero “fine dell’estate”; i Celti celebravano l’ultimo raccolto agricolo e si preparavano al freddo inverno che all’epoca era sinonimo di morte per moltissime persone. Per questo motivo la festa venne associata al culto dei morti che in questa occasione venivano commemorati con l’auspicio di rinascere in primavera. Se vi suona familiare è perché l’odierna Ognissanti è proprio l’eco moderno di quella antichissima celebrazione.

Una festa europea quindi, non americana, giunta anche in Italia tramite gli scambi con gli antichi Romani; una festa volta alla vita e non al satanismo (gli antichi Celti non conoscevano il concetto di Satana, figura introdotta millenni dopo dalla Chiesa Cattolica).

Nel sito ufficiale (www.levereoriginidihalloween.it) sono raccolti moltissimi articoli scritti da storici e ricercatori italiani che hanno messo le loro conoscenze a disposizione del progetto e i risultati sono sorprendenti: forse non tutti sanno che Halloween veniva ancora festeggiata in tutta Italia appena 70/80 anni fa, proprio nella maniera che conosciamo oggi, cioè con zucche, travestimenti e dolcetto-scherzetto!

Le sezioni del sito sono parecchie e si aprono ad ogni argomento: ci sono ebook scaricabili, rassegne stampa, volantini da stampare e un ottimo articolo scritto da Laura Ghianda, dottoressa in Scienze dell’Educazione, che spiega come festeggiare Halloween sia costruttivo per la psicologia dei bambini e addirittura propedeutico.

“Da ricercatrici di folclore antico e studiose di spiritualità eravamo davvero stanche di leggere tante assurdità su questa bellissima festa nostrana – dicono le promotrici del progetto – Così un giorno ci siamo dette che era giunto il momento di fare qualcosa di concreto per rendere giustizia storica e soprattutto per contrastare quel senso di nuova inquisizione che si sta manifestando negli ultimi anni. Ci riferiamo ai gruppi di estremisti evangelici che la notte di Halloween si prendono la briga di uscire vestiti da angeli appositamente per disturbare chiunque voglia festeggiare Halloween con minacce di cattivo gusto (“finirai all’inferno”, “stai consacrando i tuoi figli a Satana”, ecc…). A nostro avviso questo atteggiamento è lesivo dei diritti basilari che le persone hanno, ovvero di fare quello che meglio credono secondo coscienza senza finire nel mirino di fanatici religiosi”

E aggiungono: “Con il nostro progetto non vogliamo convincere nessuno a fare qualcosa che non si desidera, semplicemente vogliamo dare i giusti strumenti affinché la gente giunga da sola alle conclusioni secondo i propri principi etici, e non a causa di informazioni volutamente distorte per fare terrorismo.”

Oltre al sito web, quest’anno c’è una grossa novità: tutto il progetto diventerà un libro che le promotrici doneranno alle biblioteche di tutta Italia. Ovviamente per fare questo hanno creato una raccolta fondi con sistema croudfunding alla quale ogni titolare Paypal potrà fare una donazione anche di un solo euro.

Le sorprese non finiscono qui! Sulla loro pagina facebook.com/levereoriginidihalloween ogni giorno vengono pubblicate notizie, novità, articoli, interviste, foto, video e tanto altro! “Abbiamo avviato anche un movimento social su Instagram con il quale invitiamo tutti a postare foto e immagini relative ad Halloween taggandole con l’hashtag #levereoriginidihalloween”.

Insomma tanto da sapere, tanto da fare e tantissimo da condividere su questa festa inaspettatamente italiana e portatrice di buon umore!

27102014

2 Commenti

  1. Due piccole perplessità linguistiche: “propedeutico” significa “preliminare, preparatorio”. Ma di che cosa?
    Croud(funding) – la parola inglese corretta è crowd.

Comments are closed.