17112014 scritta santuario (6)SARONNO – “Come sindaco, credente e cittadino saronnese non posso che esprimere tutto il mio sdegno per questo vandalismo che oltre a danneggiare un bene dal valore inestimabile dimostra un’assoluta mancanza di rispetto non solo per i fedeli che frequentano l’edificio di culto ma anche per chi arriva in città per ammirarne le bellezze artistiche ed architettoniche”.

Così il sindaco Luciano Porro condanna i graffiti, tra cui una bestemmia, comparsi nella notte sulla facciata destra del Santuario della Beata Vergine dei Miracoli.

In mattinata il primo cittadino ha parlato con il prevosto don Armando Cattaneo:”So che si sono subito attivati per sporgere denuncia e ovviamente per allertare la Soprintenza per decidere come agire. Nel frattempo la scritta potrebbe essere coperta da alcuni pannelli”.

“Ovviamente – continua il sindaco Luciano Porro – abbiamo già messo a disposizione delle forze dell’ordine le immagini della videosorveglianza cittadina che speriamo possano dare un contribuito all’identificazione dei responsabili che sono da condannare. E’ un gesto ignobile e chi l’ha realizzato, che sia il gruppo di cui si parla o altri ignoti, dovrà essere chiamato a renderne conto”.

17112014

3 Commenti

  1. Se non si ripristina velocemente, i graffiti si moltiplicheranno come su qualunque muro cittadino.

    • Sono pienamente d’accordo con te.
      Fate una ricerca su wikipedia: “Teoria delle finestre rotte”

  2. E’ rammaricante quanto accaduto sul ns Santuario.
    Signor Sindaco deve intervenire al piu’ presto salvaguardando tutta la citta’ di Saronno sulla sicurezza e sul decoro.Ci sono dei punti, ormai tanti,imbrattati di scritte e altro.
    E’ la prima cosa che salta all’occhio girando per le vie della citta’.
    E’ brutto sentirsi dire da colleghe amici….che schifo e’ diventato Saronno!!
    Mi dispiace aver investito da poco soldi per la mia casa. Un tempo dicevo non andro’ mai via da qui….facendo un passo indietro lo farei ad occhi chiusi comprando altrove e a minor prezzo.

Comments are closed.