polizia locale sera piazza libertà (2)SARONNO – Non è in pericolo di vita la 19enne che mercoledì sera è stata protagonista di un brutto incidente in via Varese che ha visto protagoniste 3 vetture. L’impatto è avvenuto all’incrocio tra via Varese e via Amendola poco prima delle 18. Per ricostruire la dinamica e chiarire le responsabilità sono all’opera gli agenti della polizia locale che sono intervenuti sul posto poco dopo il sinistro insieme ad un’ambulanza del Sos di Uboldo.

Sul posto erano presenti anche due testimoni, un automobilista e un residente, che hanno raccontato di aver sentito tre forti colpi e di aver visto l’auto della 19enne, un’Opel Corsa nera, ribaltata sul lato passeggero.

Secondo una prima ricostruzione ancora provvisoria la 19enne arrivava da via Milano e percorreva via Varese verso Gerenzano. Il primo impatto sarebbe stato con una Toyota Yaris, guidata da una 71enne che stava uscendo da via Amendola svoltando verso il Santuario. Subito dopo si è verificato lo scontro con una Citroen Saxo guidata da una 48enne che procedeva lungo via Varese verso viale Lombardia. In auto con lei un 84enne ed una 79enne entrambi residenti a Limbiate. L’unica a ricorrere alle cure mediche è stata la 19enne subito raggiunta, al pronto soccorso cittadino dai familiari che vivono con lei a Bruzzano.

(foto di archivio)

20112014

9 Commenti

  1. quello che fa specie è che sono stati spesi molti euro per rifare la viabilità e la sicurezza in questo incrocio non esisteva prima e non esiste oggi ……

  2. Ma suvvia la sistemazione non è ancora completata!

    Ieri, infatti, hanno iniziato ad incidere il catrame affinché la parte centrale “sembri” fatta con autobloccanti. (dalla rotonda via Milano verso Caronno).
    Per il momento in un giorno di lavoro hanno realizzato i primi 20 metri e se poi dovranno fare anche tutto il resto del viale mi sa che ci vorrà del tempo, quindi pazienza!

    La via Varese a dirla in milanese mi sembra ”la fàbrica da ‘l dòm”.

    Nel frattempo un discreto numero dei segnali stradali posti sulle aiuole centrali ha già subito “danneggiamenti” e la rotonda di via Milano è già stata “arata” da un mezzo che l’ha attraversata, insomma prima ancora che i lavori siano finita l’opera sembra già “vecchia”.

  3. è ora di massacrare chi fa il somaro con l’automobile, i più non capiscono che hanno un’arma in mano. Altro che rigore con chi imbratta i muri, qui i danni possono essere assai superiori (ci deve essere una scala di valori rapportata a costi/benefici) .Mai vista dare una multa per gente al telefono ad esempio (si fa meno fatica per divieto di sosta), o un controllo della velocità dopo le 19. Poi si piange quando qualche conoscente rimane coinvolto…

    • Chi usa l’automobile è già sufficientemente “massacrato”.
      Iniziamo a “massacrare” chi mette in atto soluzioni viabilistiche varie ed eventuali !

    • Caro RobinH,
      non solo “massacrare chi fa il somaro con l’automobile” ma anche chi “è un somaro” perché con altri tipi di veicoli – leggasi bicicletta – viaggia tranquillamente per la città parlando al cellulare!
      La bici infatti è, a tutti gli effetti, un veicolo al pari dell’auto, leggasi in proposito:
      C.d.S.
      Titolo III – Dei Veicoli
      Capo I – Dei veicoli in generale
      Art. 50. Velocipedi (omissis).

      Oppure multare le bici è da considerarsi atto sacrilego in una città dove vige l’imperativo della “mobilità dolce”?

      • e chi dice il contrario??? peccato che gli incidenti gravi (e ne abbiamo esempi in questi giorni) siano causati da automobilisti incoscienti (siediti in via Piave, Via Miola, Viale Prealpi, viale Lombardia ad esempio ma non solo e conta gli sconsiderati al volante, in particolare sui limiti di velocità e non parliamo di quelli dei 30 km/h ma di quelli dei 50….senza contare chi parcheggia in divieto di sosta sugli incroci, quello delle Orsoline ne è un esempio…). Poi capisco che siate nervosi, ma la cronaca con il conteggio degli incidenti pericolosi è sotto gli occhi di tutti, e i numeri non sono una opinione….Le vostre osservazioni fanno parte del benaltrismo italiano

        • Sì lo sappiamo, gli automobilisti sono il male di Saronno e andrebbero aboliti (per non parlare dei motociclisti…)

          • il male di Saronno sono quelli che pensano di essere padroni della strada, non gli automobilisti…quelli che il codice della strada è un arnese del secolo scorso e una imposizione da non rispettare. Vediamo se applicando le telecamere quanti poi protestano perchè ci sono le telecamere,e che diamine….

          • Iniziamo ad applicare le telecamere contro la gente che ruba, lancia bottiglie contro padri di famiglia al supermercato, rapina, accoltella e chi più che ne ha ne metta.
            Altri che scagliarsi contro gli automobilisti, l’unica cosa che la giunta Porro ha saputo fare per 5 anni !

Comments are closed.