22112014 saronno conferisce la cittadinanza italiana simbolica (22)SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata da [email protected] in merito alla concessione della cittadinanza italiana simbolica da parte della città di Saronno ai minori nati in Italia da genitori stranieri ma residenti in città.

“Sabato 22 novembre, nel corso di un Consiglio Comunale aperto, è stata conferita la cittadinanza onoraria di Saronno ad alcuni figli di immigrati nati in in Italia. Si tratta di un provvedimento simbolico che ha un significato ben preciso: quello di chiedere con urgenza al Governo centrale che si risolva una volta per tutte la questione della cittadinanza italiana per chi nasce entro i nostri confini.

L’immigrazione è un tema attualissimo e dirompente, che viene spesso utilizzato a scopi propagandistici per raccogliere pugni di voti, ma è un fatto che l’assenza di politiche migratorie serie e di prospettiva sia nazionali sia europee abbia creato in Italia una situazione che fa impennare le tensioni sociali e che va assolutamente risolta. Gli immigrati possono essere una grande risorsa per l’Italia, esattamente come lo sono per diversi paesi europei in cui sono meglio integrati, come Inghilterra e Germania.

Dare cittadinanza ai loro figli vuol dire farli crescere da italiani, pronti a dare un contributo di sviluppo e lavoro ben superiore all’11 % di PIL in cui oggi si stima il contributo dei lavoratori stranieri alla nostra economia. Ben oltre al 3 % che lo Stato restituisce loro in termini di servizi e assistenza, al di là degli strilli da campagna elettorale e strategia della paura”

25112014

5 Commenti

  1. La “risorsa” è sotto gli occhi di tutti: basta passare in stazione ed in centro a qualunque ora del giorno: è pieno di “risorse” che bighellonano, rubano, lanciano bottiglie, tagliano gomme,scippano,ecc.
    Carichiamoli tutti sui barconi in un giorno di tempesta!

  2. Questione di punti di vista: di fatto oggi sono una risorsa per pochi, mentre sono costi reali di improduttivo investimento assistenziale per tutti gli altri. Alla luce dell’attuale persistente periodo di crisi economica la seconda sarà sempre predominante nel breve e medio periodo, in attesa che forse chissà fra quanti anni e se mai saranno pronti (parola oggi sopra le righe) a dare un contributo di sviluppo (se ne vedrà l’effettivo peso) e di lavoro tale da influenzare considerevolmente il PIL Italiano. Gli Italiani, i Saronnesi, arrancano ad arrivare con dignità a fine mese e difficilmente potranno guardare con lungimiranza ad un periodo così lungo come [email protected] prospetta, sotto la spada di Damocle dei “ma” e dei “se” avvalorata da stime e percentuali che ai più dicono poco o nulla. “Al di là degli strilli da campagna elettorale e strategia della paura”… sono solo questione di punti di vista.

  3. contento che sia stato cancellato il mio commento, informazione(??) a vostro piacimento……basterebbe che rammentaste ai vostri amici i recenti rapporti sull’economia (che probabilmente non sapete neppure leggere)

  4. I paesi citati dall’articolo Germania ed Inghilterra hanno detto chiaramente che con la nuova operazione Triton ( notare anche che non tutti i paesi della comunità hanno aderito ) , operazione sostituisce la folle ed incontrollata Mare nostrum che gli immigrati devono restare dove sono sbarcati , dicono di tenerci tutte noi quelle risorse , infatti sono solo fonti di spese per l’Italia che ha di già il debito bubblico più alto d’europa e di problemi sociali enormi , vedi Roma , dove la polizia è impegnata solo per calmare i residenti dei quartieri dove vengono portati gli immigrati

Comments are closed.