SARONNO – In attesa che a “muoversi” siano anche i politici saronnesi, è nato il “doppio” Comitato per il gemellaggio, con base a Saronno e San Fratello. Obiettivo, sancire l’unione fra le due cittadine di Lombardia e Sicilia, che inizialmente avverrà tramite le relative associazioni, con l’auspicio che poi venga formalizzato anche dale locali Amministrazioni comunali. Da parte di quella sanfratellana la disponibilità senz’altro non manca, come sottolineato di recente anche dal sindaco Francesco Fulia in occasione di una delle periodiche visite di saronnesi nel borgo del messinese.

 

Tutto è scaturito dalla volontà di creare un legame fisso da parte di alcuni sanfratellani abitanti a Saronno, che hanno coinvolto amici e concittadini e ad all’ultima visita a San Fratello hanno preso parte, a titolo personale, anche attivisti di associazioni saronnesi come Armando Iannone del gruppo micologico ed Adelfio Crivillaro, tra i fondatori dell’associazione Sicilia a Saronno; ma anche imprenditori come Andrea Sozzi e politici come Alberto Paleardi, presidente della commissione Lura e “storico” esponente del Pd cittadino.

I rapporti fra Saronno e San Fratello, a livello associativo e personale da parte di molti saronnesi, sono ormai da tempo molto stretti, con periodiche, reciproche visite che diventano in “must”, nella città dei Nebrodi, soprattutto a Pasqua, quando si tengono le caratteristiche processioni.

05122014

2 Commenti

  1. ma si , in campagna elettorale … un comitato, un gemellaggio, un po di visibilità non si nega mai a nessuno ……

  2. In campagna elettorale un po’ di visibilità TRASVERSALE ed extra partes su una tematica che coinvolge tutta la comunità è indice di Apertura Mentale sugli interessi della Città prima ancora che su quelle delle Parti politiche ed economiche in gioco.
    Per fortuna c’è anche chi non è LIMITATO nella salvaguardia della coltivazione del proprio piccolo orticello ed ha una visione corretta del concetto di collettività cittadina.
    Ci vuole proprio poco, bastano due soli neuroni per comprendere che in momenti così difficili si deve fare rete trasversale, con i fatti concreti si va avanti non con i bla bla bla delle Promesse Elettorali: noi faremo, noi faremo, noi faremo. Chiedetevi piuttosto cosa avete FATTO (prodotto concretamente) di tangibile; ovviamente oltre alle parole di propaganda, e raccontatelo.
    Questo incontro, questa iniziativa è concretezza, è indice dell’essere mooooooooolto avanti e di essere ben oltre il banale speteguless strumentale del tutto gratuito o strettamente legato alla partitica.

    l vento soffia, e quando soffia , soffia per TUTTE le bandiere. Per le bandiere sventolare è vita. (Cit. R. Lileichis Presidente della Repubblica di Uzupis). Chi ha la capacità di cogliere ne colga il senso profondo.
    Le antiche logiche ne prendano atto: sono superate e non più attuali. Ora siamo già nell’era dello 0.2 , l’evoluzione mentale. Alla stra grande parte della popolazione dei politicanti non dà più credito.
    Non bastano i lifting per apparire giovani e freschi.

Comments are closed.