20102014 casa della solidarietà (16)SARONNO – “Un regalo di Natale: per riappropriarsi dei capolavori del territorio e dell’orgoglio di possederli” così la fondazione che sta lavorando al progetto della Casa della Solidarietà di via Piave presenta l’iniziativa che partirà oggi e proseguirà fino al17 dicembre. Ogni sera dalle 17,30 alle 21,30 saranno retroproiettate sulla facciata tra il terzo e il quarto piano le eccellenze del Santuario di Saronno evocate, suggerite o esaltate in una videoinstallazione di Alessandro Palmeri.

E così la Casa della Solidarietà diventerà lo schermo per ammirare gli affreschi di Bernardino Luini e della cupola di Gaudenzio Ferrari. “Sarà una vetrina non solo per i tanti che entrano in città attraverso via Piave, ma per tutti i cittadini – spiegano dalla fondazione – un’installazione artistica di grande richiamo mediatico. Un dono a Saronno: perché la Casa di Marta sarà un servizio alla città. Alla Saronno di chi ha bisogno e alla città di chi cerca cultura e convivialità; ai cittadini ‘bisognosi’ di un pasto caldo, di un ricovero d’emergenza, dell’assistenza sanitaria della Croce Rossa, ma anche di un buon libro, di una conferenza, di una mostra d’arte, o semplicemente di incontrarsi con altre persone”.

E concludono: “Abbiamo pensato a quest’iniziativa perchè la casa di Marta è dei saronnesi e si rivolge ad ognuno di loro. Un particolare ringraziamento a monsignor Armando Cattaneo, prevosto di Saronno, per la disponibilità delle immagini e al Centro Fusetti di Saronno per le fotografie.

L’appuntamento per la “prima” è stasera dalle 17,30 alle 21,30 per vedere la videoproiezione al meglio è consigliato di posizionarsi all’angolo tra via Piave e via Petrarca.

06122014

2 Commenti

  1. “…un’installazione artistica di grande richiamo mediatico”.

    E come la mettiamo con quelle schifezze di murales, appena subito sotto?

Comments are closed.